"Topolino" in esperanto! - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
"Topolino" in esperanto!
'Topolino' n. 1938 - Copertina Pochi sanno che, nel 1993, anche il mitico settimanale "Topolino" ha pubblicato una storia di una pagina in esperanto. Nel numero 1938 del fumetto, datato 17 gennaio 1993, è stata pubblicata una tavola, sceneggiata dall'allora caposervizio Piergiorgio Ruggeri e illustrata da Claudio Sciarrone, interamente in lingua internazionale. La breve storia era accompagnata da una traduzione italiana delle vignette e da un articolo di due pagine che presentava sommariamente la grammatica dell'esperanto e le caratteristiche del movimento esperantista.

Nel racconto, "Archimede kaj la Kongreso de Inventistoj" ("Archimede e il congresso degli inventori"), Archimede Pitagorico si reca in aereo al monda kongreso (congresso mondiale) degli inventori. Durante il viaggio, si domanda quale lingua potrà parlare con i colleghi degli altri paesi; all'arrivo, tuttavia, è accolto già in aeroporto da una folta delegazione di studiosi che lo salutano al grido di "Saluton! Bonvenon!" ("Salve, benvenuto!"). La tavola si chiude con l'esclamazione di Archimede: "[Esperanto] estas la plej bela inventaĵo en la mondo!", ovvero: "L'esperanto è l'invenzione più bella del mondo!".

  Leggi l'articolo e la storia!
Le seguenti pagine sono tratte da "Topolino" n. 1938 del 17 gennaio 1993, e sono riprodotte a scopo informativo. I diritti d'autore appartengono alla The Walt Disney Company Italia Spa.

'Topolino' n. 1938 - Pagina 111 - 'Esperanto, lingua per tutti'  'Topolino' n. 1938 - Pagina 112 - 'Esperanto, lingua per tutti'  'Topolino' n. 1938 - Pagina 113 - 'Archimede kaj la Kongreso de Inventistoj'


  Il testo integrale dell'articolo
C'è una lingua che viene parlata in tutto il mondo che si può imparare in poche settimane, che permette di viaggiare con poca spesa e che può essere compresa facilmente. È l'esperanto. Si impara in tre settimane, la parlano in ogni angolo della Terra, dà la possibilità di viaggiare in 50 stati con pochissima spesa e la certezza di trovare qualcuno che la parla. L'esperanto fu inventato nel 1887 da Lejzer Zamenhof, un medico polacco che voleva dare al mondo la possibilità di parlare una lingua comune. La sua idea fu quella di prendere la radice delle parole, confrontarla nelle varie lingue e creare una parola nuova che tenesse conto delle sillabe comuni. La grammatica fu studiata affinché fosse semplice. Il risultato fu una lingua facile, immediata.

Oggi in tutto il mondo ci sono persone, libri, scuole dove si parla esperanto. Sapete che cosa si può fare, conoscendo l'esperanto? Si può partecipare ai congressi internazionali che si tengono ogni anno in Svezia, Polonia, Germania, Italia; sono ottime occasioni per conoscere ragazzi stranieri, perché a ogni congresso partecipano centinaia di giovani. Poi si possono ricevere e mandare lettere ai propri amici... ovviamente in esperanto! E c'è la possibilità di viaggiare e farsi ospitare gratis: il Pasporta Servo è un volumetto di indirizzi, aggiornato ogni anno, che indica esperantisti disposti a ospitare amici, in 50 nazioni diverse.

Un esempio? Una settimana all'estero a Capodanno costa 170.000 lire, compresa l'ospitalità in un albergo, una ventina di conferenze, una gita, un concerto, una serata a teatro, il ballo a San Silvestro, eccetera...

L'esperanto ha 105 anni ed è una lingua con una letteratura di migliaia di libri, poeti, romanzieri, medici e scienziati.

Albert Einstein era un suo grande sostenitore e come lui anche lo scrittore di fantascienza Isaac Asimov, e il premio Nobel per la chimica Ostwald, e lo scrittore russo Tolstoj, per finire con Charlie Chaplin che nel suo film "Il grande dittatore" fece scrivere tutte le insegne dei negozi in esperanto!

Se a questo punto volete saperne di più, potete rivolgervi al gruppo esperantista della vostra città (in Italia ci sono oltre settanta sedi), o alla Gioventù Esperantista Italiana; sono a vostra disposizione!
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia