"Nova Sento in Rete" n. 188 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 188     2001-01-27
> NSiR: La carica dei 500
> 25a Internacia Junulara Festivalo: "2001 Odissea nella Lingua"
> L'UNESCO premia la "Esperanto" Radikala Asocio.
> Eventoj! Jubilea donaco: propra retej-nomo!
> Traduttore automatico Italiano/Esperanto
> Correttore automatico
> Aldonoj al la reta vortaro


  Contenuto
NOVA SENTO IN RETE: LA CARICA DEI 500

Nova Sento in Rete è, da questa settimana, inviato a oltre 500 persone.

Da settembre 1998 il numero di destinatari si è quadruplicato passando da 125 a 506.

Ma la notizia non è necessariamente di particolare interesse.

Quello che dovrebbe interessare chiunque organizza attività esperantiste di qualunque tipo è il fatto che nessun bollettino cartaceo in Italia raggiunge il numero di persone raggiunte da NSiR con la medesima rapidità.

Resto a vostra disposizione per distribuire ogni notizia inerente il movimento esperantista italiano, come sempre.

Framerio

nova-sento@esperanto.it

***

2001 ODISSEA NELLA LINGUE

La sfida del prossimo festival di Pasqua a Bolsena (VT), 11/17 Aprile 2001

Informazioni ed iscrizioni online http://www.esperanto.it/ijf25

Leggo oggi sul Sole24ore il rapporto annuale sulla ricchezza delle nazioni.

In cima alla classifica troviamo, ovviamente, gli Stati Uniti, il paese che ha saputo fondare la sua prolungata crescita economica su un fattore chiave nella contemporaneità, su una freccia che non dovrebbe mancare nella faretra di nessuno: la conoscenza, la Knowledge, come si dice nella lingua dell'Impero.

Anche il più- mediterraneo Odisseo partì per "seguir virtute e canoscenza".

Cosa c'entra?

Ebbene, quest'anno il Festival avrà come tema "2001, Odissea nelle lingue" tema in linea con il proclamato anno europeo delle lingue e proprio a questo ispirato nella sua realizzazione. Ora, io vorrei con tutto il cuore che questo Festival fosse finalmente un esempio di laboratorio giovanile teso verso la conoscenza e la comprensione, ad esempio, delle reali possibilità dell'Esperanto di giocare un qualche piccolo ruolo all'interno delle istituzioni europee, delle attuali problematiche legate al plurilinguismo in Europa, delle leggi dell'Unione in tema, delle strategie future del movimento esperantista, delle sorti della lingua italiana ecc.

Solo nello suscitare nei giovani di buona volontà il desiderio di capire e costruire qualcosa di forte all'Esperanto io vedo il futuro dell'associazione e del movimento giovanile, e non nel "tirare a campare". I necessari divertimento, atmosfera, euforia, cultura, pace e amore dovrebbero essere il terreno su cui si edificano progetti e si confrontano esperienze di lavoro, non essere (quasi) il fine di tutta la nostra fatica. Troppo spesso, gli esperantisti un volta cresciuti si allontanano annoiati o delusi dal movimento, e li capisco, vi giuro, li capisco. Troppo spesso siamo incatenati ad una sorta di intoccabile "eterno ritorno" secondo cui risulta quasi "impensabile" ritoccare le tradizionali formule congressuali.

Vorrei che fossimo noi a farlo. Vorrei che i responsabili delle diverse newsgroup sull'Europa e sulle situazione del movimento venissero a relazionare sulle conclusioni di tutto questo discutere, vorrei, ad esempio, che gli adulti tenessero dei seminari su come parlare al pubblico di Esperanto, sulla legislazione europea in tema di lingue, sul panorama e la storia delle associazioni esperantiste, sulle loro strategie vorrei che ci fossero a disposizione persone in grado di guidarci nella lettura di alcuni testi fondamentali per capire la situazione attuale, che un esperto si preoccupasse di aiutarci nell'impostazione dell'organizzazione di eventi e così via. Non mi sembra di cedere a Utopie o astrazioni.

Ora spetta a voi tutti trovare in voi stessi la volontà di collaborare affinché questo non resti un messaggio di posta elettronica e basta.

Se va male, vabbè, finirà a tarallucci e vino in gufujo.

Michele Gazzola

s780478@students.uni-bocconi.it

_____________________

Responsabili del programma

Bethuel Chiesa < bethulla@hotmail.com >

Chiara Baro < c_baro@yahoo.com >

Daniele Binaghi < daniele.binaghi@libero.it >

***

L'UNESCO premia la "Esperanto" Radikala Asocio.

Il Centro UNESCO dei paesi baschi (UNESCO Etxea) ha premiato la "Esperanto" Radikala Asocio per il suo - come si può leggere nella lettera che accompagna l'attestato di benemerenza - "contributo molto rilevante alla redazione del Rapporto Mondiale Sulle Lingue" che sarà pubblicato dall'UNESCO nel 2001".

Rapporto costituente il primo studio completo ed ufficiale sullo stato di salute di tutte le lingue ad oggi parlate al mondo ed che è stato curato nel corso degli ultimi anni proprio dal centro di Bilbao.

Il Segretario Generale dell'UNESCO Etxea, Paul Ortega, aveva nel 1999 partecipato, al seminario dell'ERA presso il Parlamento Europeo di Bruxelles su "Il diritto alla lingua internazionale entro il 2020" e, proprio in quell'occasione, aveva invitato l'Era a produrre una dettagliata relazione sull'Esperanto per il "Rapporto mondiale sulle lingue". Relazione affidata dall'ERA al Prof. Carlo Minnaja e immediatamente inviata al Centro UNESCO di Bilbao.

Riteniamo importante la presenza della Lingua Internazionale all'interno di quel rapporto ufficiale dell'organizzazione delle Nazioni Unite sia perché essa pone chiara e aggiornata informazione su un fenomeno - quale quello esperantista - assolutamente unico nella costruzione della pace internazionale, sia nella prospettiva di riorganizzazione della comunità esperantista in comunità linguistica vera e propria.

Inoltre, questo riconoscimento, conferma la leadership dell'Era tra le organizzazioni esperantiste anche all'interno del sistema UNESCO e la rilevanza della collaborazione della nostra associazione con quell'Organizzazione.

***

Eventoj! Jubilea donaco: propra retej-nomo!

En pleja fino de decembro aperis la jubilea, 200-a numero de la plej ofta internacia E-gazeto Eventoj.

Pli ol 1600 pagxoj A-4, cx. 1 milionoj da literoj, pluraj miloj de publikutilaj kaj interesaj artikoloj - en nur 8,5 jaroj...

Post la modesta lancxo en 1992, por hodiaux Eventoj igxis unu el la plej popularaj Esperanto-gazetoj, nun jam ne-malhavebla por iu ajn serioza esperantisto. Intertempe la simpla redaktejo kreskis al internacie grava E-a servocentro, kiu okupigxas ekz. pri:

- "Plena Kalendaro de cxiuj E-arangxoj"

- Informintersxangxejo por redaktoroj de E-gazetoj: "Interredaktore"

- Eldonejo de E-rarajxoj, sonmaterialoj, reklamiloj

- Funkciigo de filtrata E-novajxservo: RET-INFO

- Kompilado de publikutilaj adresaroj (gazetaro, retlistoj, videofilmoj)

ktp. ktp.

Por festi la jubileon, anoj de la Eventoj-teamo faris 2 donacojn por si mem:

- senpaga publikigo de Eventoj-200 en formato "pdf"

- registrado de propra retej-nomo: http://www.eventoj.hu kiu versxajne estas la 1-a tiaajxo inter la E-gazetoj.

Ni invitas vin uzi, utiligi la publikajn servojn de Eventoj, legi la senpagan retan version de la lasta numero vizitante la retpagxojn cxe http://www.eventoj.hu

Se la servoj placxas al vi, ni estus dankaj, se vi metus hiperligon de via retpagxo al http://www.eventoj.hu

Starante je via servo

Laszlo Szilvasi

***

TRADUTTORE AUTOMATICO ITALIANO - ESPERANTO

Mi chiamo Nicola Corti e vivo in provincia di Firenze, lavoro come musicista, compositore, cantante, musicoterapista, educatore musicale e costruttore di strumenti musicali di nuova concezione(vedi www.cortidrums.com e www.alzheimer.it/musico/iniziati.htm ).Lavoro usando soprattutto canzoni e canzoncine per bimbi, ed ho poco tempo per dedicarmi ad uno studio dell'Esperanto come normalmente si fa. Credo comunque che se potessi usufruire di un traduttore informatico italiano-esperanto potrei comporre poesie e canti da utilizzare nel mio lavoro e probabilmente accadrebbe ciò

che mi è accaduto con l'inglese, cioè ho imparato a parlarlo componendo e cantando canzoni. Potrei inoltre fare una buona azione educativa a favore dell'Esperanto per mezzo del mio lavoro. Tu conosci un programma di traduzione esperanto-italiano, italiano-esperanto? Se non esistesse non sarebbe opportuno crearlo?

Credo che l'idea potrebbe interessare molte persone e credo che l'Esperanto, proprio per la sua natura di lingua veicolare, si presterebbe bene a questa operazione. Non so se tu puoi soddisfare questi miei dubbi, in ogni caso ti ringrazio per l'attenzione

Nicola Corti

triktrak@inwind.it

***

CORRETTORE AUTOMATICO

All'indirizzo http://www.pnc.com.au/~blinky/supersigno/x/index.htm fino a non molto fa (poi non ho più controllato) esisteva un programma per generare i caratteri con supersignoj per qualsiasi "font" true type.

Lo avevo provato alcuni anni fa e sembrava funzionare in maniera soddisfacente. Del pacchetto faceva parte anche un correttore ortografico (non ricordo come si usasse, ma ricordo che era facile da utilizzare e lavorava con i più comuni elaboratori di testi).

Non ho più usato il tutto dopo aver trovato i font latin-3 e aver cambiato PC.

Ad ogni modo se fate una prova non potrete avere grossi danni... :-)

Un cordiale saluto.

Beppe Pranzo

b.pranzoz@bigfoot.com

***

ALDONOJ AL LA RETA VORTARO

Mi informas vin pri aldono de la tuta zamenhofa proverbaro al la "Vocabolario Esperanto-Italiano-Esperanto" kiu trovigxas cxe: www.vessella.it/vortaro.asp

Nino Vessella

onin@vessella.it (onin=>nino)

onin@vessella.net

http://www.vessella.it (italiano, esperanto, kiswahili, english)

http://www.vessella.net
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia