"Nova Sento in Rete" n. 325 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 325     2003-06-10
> Esperanto - istruzioni per l'uso: La diffusione dell'Esperanto
> Federazione Esperantista Italiana: la relazione morale 2002
> Internacia Junulara Kongreso 2004 en Rusio
> TEJO-AKTUALE: Informilo de junaj esperantistoj
> Korespondi deziras: junulo el Nepalo
> Nuovo indirizzo di Francesco Amerio


  Contenuto
Esperanto - istruzioni per l'uso: la diffusione dell'Esperanto.

L'Esperanto è una lingua a tutti gli effetti, per cui, una volta acquisita, viene usata per i più svariati scopi. Non è quindi possibile stabilire, neanche approssimativamente, il numero di persone che lo conoscono e lo usano.

Tuttavia, alcuni dati, facilmente verificabili, possono dare un'idea della sua diffusione nel mondo. L'Associazione Universale Esperanto (UEA), i cui membri provengono dalle parti più attive della comunità esperantista, ha associazioni nazionali affiliate in 55 paesi.

Calcoli basati sul numero di testi didattici venduti e sull'affiliazione alle sezioni locali mostrano che il numero di persone con qualche conoscenza della lingua si pone sull'ordine dei milioni.

Ci sono esperantofoni in tutte le parti del mondo, incluse notevoli concentrazioni in paesi assai diversi tra loro come Giappone, Brasile, Iran, Madagascar, Bulgaria e Cuba.

In Italia gli iscritti alla Federazione Esperantista Italiana (IEF) sono circa 1.000. È opportuno sottolineare che molti esperantisti, per scelta o per inerzia, preferiscono non iscriversi alle associazioni esperantiste.


Federazione Esperantista Italiana (FEI)
RELAZIONE MORALE PER L'ANNO 2002

SITUAZIONE ASSOCIATI

Gli associati nell'anno 2002 sono stati 945 (purtroppo non si è raggiunta la soglia prevista dei 1000 e rispetto allo scorso anno si è registrata una diminuzione di circa 50 associati). Gli associati sono così suddivisi: ordinari 620, associati familiari appartenenti a gruppi 138, giovani appartenenti a gruppi 52, isolati 93, isolati giovani 12, familiari di associati isolati 6, iscritti alla IABE 6, sostenitori 18. A questi vanno aggiunti i 5 associati onorari.

La diminuzione è stata registrata soprattutto tra gli associati ordinari, mentre si evidenzia un aumento del numero dei giovani sotto i 25 anni che hanno aderito alla federazione. Questo aumento dei giovani fa ben sperare, anche se il calo totale degli associati deve far riflettere sul problema dei molti esperantisti che per le ragioni più svariate decidono di non aderire alla federazione nazionale. Il fatto che un po' tutte le associazioni siano in crisi in questi anni non deve essere preso come una scusa. Dalle relazioni ricevute dai vari gruppi e dai verbali delle riunioni del Comitato Esecutivo emerge che molti sforzi e molti eventi sono stati pensati e sono stati fatti al fine di aumentare il numero degli associati.

Il numero dei gruppi paganti è passato da 35 a 36, grazie alla fondazione del nuovo gruppo esperantista marchigiano "La verda pego". Un'associazione di categoria ha aderito alla Federazione: l'IFEA.

La sede di Milano è stata aperta tre giorni alla settimana (il martedì, il mercoledì e il giovedì) grazie alla costante e proficua presenza della segretaria e di altri volontari milanesi a cui va il ringraziamento di tutta la Federazione.

ATTIVITÀ DELLA FEI, DEI GRUPPI LOCALI E DEI SINGOLI SOCI

Le attività svolte nell'anno 2002 sono state numerose e sono state improntate soprattutto sull'azione e l'apertura verso il mondo esterno, così come era stato proposto lo scorso anno. Per una associazione come la nostra è molto importante essere visibile dall'esterno e riuscire ad allacciare il maggio numero di contatti possibili con altre associazioni che hanno ideali simili ai nostri.

Tutte le realtà esperantiste esistenti in Italia hanno avuto parecchi contatti con altre associazioni (Tavola della pace di Assisi, Emergency, Medici senza Frontiere, Medici Clown, Servas, Comunità di Sant'Egidio, ecc.) con alcune delle quali sono stati allacciati dei rapporti di collaborazione; anche i contatti con le pubbliche amministrazioni locali sono stati più intensi e proficui.

Il C.E. si è riunito 6 volte, mentre il C.N. 3 volte nel corso dell'anno.

Nell'ambito della Federazione l'attività più importante è stata il "Premio Zamenhof" le voci della pace, che il 13 dicembre ha visto con successo la sua prima edizione. In tale occasione sono stati premiati P. Giulio Albanesi per il suo impegno in soccorso dei deboli e delle vittime delle lotte tribali in Uganda; Medici senza Frontiere per l'assistenza ai poveri ed alle vittime dei conflitti nei paesi del terzo mondo; e la comunità di Sant'Egidio per l'impegno ecumenico a favore della pace e del dialogo tra le religioni e le culture con la preziosa scultura dell'artista Valeriano Trubbiani, appositamente realizzata per il premio. Durante la cerimonia di premiazione è stato assegnato, da parte della famiglia Stoppoloni, il "Premio Stoppoloni" all'Associazione "Ridere per vivere", che opera negli ospedali per allietare i ricoverati, soprattutto i bambini ammalati). Per l'occasione è stato pure inciso un CD musicale "Saluton al vi, Doktoro Esperanto" del maestro F. Bonetti Amendola. È seguita una tavola rotonda all'Università di Ancona sul tema: "La globalizzazione culturale e linguistica".

Il premio è stato finanziato dagli associati stessi con la distribuzione e la vendita delle acqueforti dell'artista Trubbiani, dalla Provincia di Ancona e dalla Regione Marche, che grazie alla loro disponibilità finanziaria hanno permesso l'incisione del CD musicale e la pubblicazione di moltissimi volantini divulgativi sul premio e sull'Esperanto.

Membri qualificati facevano parte del comitato d'onore della manifestazione: Bruno Bartoletti, Tullio de Mauro, Mons. Antonio Riboldi, Armando Spataro, Saverio Tutino e Antonino Zichichi.

Tra le tante altre attività svolte dalla federazione si evidenzia:

- consulenza e informazione agli associati tramite la segreteria di Milano, il sito www.esperanto.it. Moltissimi sono stati i contatti di posta elettronica tra gli associati e gli organi direttivi; numerose sono state pure le richieste di informazioni da non esperantisti sul movimento, l'associazione, le pubblicazioni.

- La rivista l'Esperanto è uscita con 9 numeri, di cui uno speciale, il numero 8, dal titolo "Parità linguistica effettiva: un diritto degli europei", contenente le relazioni del congresso europeo tenutosi in agosto a Verona. Con l'anno 2002 è cessata la proficua e ottima attività di redazione del consigliere Broccatelli, al quale va il ringraziamento per il lavoro svolto in questi anni con dedizione, puntualità e competenza. La rivista , oltre ad avere la funzione di bollettino/notiziario per gli associati, è stata anche un veicolo di informazione per gli 87 europarlamentari che l'hanno regolarmente ricevuta. In ogni numero della rivista la rubrica Nova Sento ha presentato le attività della Gioventù Esperantista italiana.

- È continuata l'edizione di Nova Sento in Rete con un aumento dei destinatari. NSiR ha svolto i compiti per i quali è stato creato: informazione veloce agli esperantisti e informazioni mirate ai simpatizzanti, con particolare riferimento ai corsisti del corso di Esperanto a distanza KIREK.

- Diversi associati hanno collaborato con la Gioventù Esperantista Italiana per la predisposizione della nuova versione del corso KIREK.

- Durante l'anno 2002 non si è svolto il consueto congresso nazionale, dato che ha avuto luogo in Italia il congresso dell'Unione Esperantista Europea. All'interno del congresso europeo ha avuto solo luogo l'assemblea annuale degli associati, la quale ha registrato scarsa partecipazione.

- Le varie Commissioni di lavoro (politica, informazione, istruzione) hanno proseguito le loro attività nei rispettivi campi.

- Il premio Conterno è stato assegnato al gruppo di Vicenza.

- La Fei ha partecipato alle sedute del Consiglio Italiano del Movimento Europeo (C.I.M.E)

- Sono stati organizzati, in collaborazione con i giovani due seminari per i correttori del corso di Esperanto KIREK (a Castiglione della Pescaia e a Rimini; la partecipazione è stata numerosa). In questi seminari si sono studiate le strategie per l'insegnamento dell'Esperanto utilizzando i nuovi mezzi di comunicazione.

- È continuata con successo l'attività PLL (PremLeterListo) con lettere pubblicate su più di 4.000.000 di copie di giornali

- Pure con successo è continuata l'attività dell'agenzia di stampa "Disvastigo" (agenzia regolarmente registrata presso il Tribunale di Chieti). Le tematiche affrontate sono state il problema linguistico nell'Unione Europea, la discriminazione linguistica, ecc. e numerosi sono stati gli articoli pubblicati su giornali locali e nazionali. Collegato a Disvatigo c'è stato il Comitato per la difesa delle lingue e delle culture. La maggior parte dell'attività ha avuto luogo nella regione Abruzzo, ma da non dimenticare che i collaboratori sono associati di tutta Italia.

- Numerosissimi ( anche se a volte non proficui, date le varie polemiche non costruttive sorte e portate avanti) sono stati gli scambi di messaggi tra gli associati e non nelle varie liste di discussione esistenti in Italia.

- È nata la rete dei gruppi, grazie alla quale i gruppi locali e gli associati isolati che ne hanno richiesto l'iscrizione possono ricevere circolari, comunicazioni dalla segreteria o dalla dirigenza e possono scambiarsi informazioni sulle loro attività.

- Sono state coordinate le attività dei gruppi, anche se non sempre i gruppi si sono impegnati a comunicare in tempo le loro proposte.

- Da evidenziare le molte attività dei gruppi, la maggior parte dei quali ha inviato una relazione morale dettagliata. Si citano qui in modo sintetico le principali attività dei soli gruppi che hanno inviato relazione sulla loro attività svolta.

BOLOGNA: celebrazioni per il 90° di fondazione del gruppo, con manifestazioni di tre giornate; organizzazione di conferenze, mostre, corsi di Esperanto, acquisto della nuova sede.

BOLZANO: molti articoli sui giornali locali, rapporti con il Comune al fine di avere una via dedicata all'Esperanto. Da evidenziare il particolare impegno dell'associato Behman.

CHIETI e VASTO: collaborazione a "Disvastigo".

FIDENZA: incontro interregionale, corsi di Esperanto.

FIRENZE: è stato ricostituito il gruppo, partecipazione al Social Forum di Firenze, proposta di intitolare una strada a Zamenhof., sito web.

LA SPEZIA: corso di Esperanto.

LIVORNO: contatti con le amministrazioni, corsi di Esperanto, rapporti con altri gruppi locali toscani.

MARCHE: (Gruppo Esperantista Marchigiano) nuovo gruppo fondato nel 2002, corso di Esperanto, pagina web, contatti con varie associazioni che operano a favore della solidarietà e della pace, organizzazione del Congresso nazionale 2003, collaborazione all'organizzazione del premio Zamenhof.

MASSA: lavoro di catalogazione per l'Archivio di Stato (Biblioteca di Esperanto), corsi di lingua, articoli per la stampa, partecipazione alla vita sociale della città, ospitalità, contatti con il sindaco.

MANTOVA: concorso letterario nazionale in collaborazione con amministrazione provinciale, contatti e collaborazione con gli enti locali e Festivaletteratura, conferenze, articoli sulla stampa locale, ospiti stranieri.

MILANO: trasloco nella nuova sede del gruppo, intensa vita sociale, corsi di Esperanto.

PADOVA: corso di Esperanto, stand alla fiera campionaria internazionale, collaborazione con il gruppo dei ferrovieri.

PAVIA: gruppo in via di formazione, articoli sulla stampa, pagina web, contatti con le amministrazioni locali

PISTOIA: ospitalità e incontri per la cittadinanza con esperantisti italiani e stranieri, allestimento di uno stand, collaborazione con altre associazioni, incontri e conferenze nelle scuole, contatti con le pubbliche amministrazioni locali, corsi di Esperanto.

ROMA: corsi in sede, nelle scuole e università, una classe di Ciampino ha partecipato ad Euroscola, conferenze, ospiti stranieri, stand ad una manifestazione estiva.

SONDRIO: corso di Esperanto, incontro regionale.

TRIESTE: informazione, esposizione filatelica, collaborazione con il Centro Unesko della città, articoli sulla stampa locale, riprese televisive di eventi esperantisti.

VENEZIA: collaborazione nell'organizzazione del Congresso europeo di Verona, corsi di Esperanto.

VERCELLI: organizzazione di conferenze su argomenti di attualità, corso nelle scuole superiori, gemellaggio con la città catalana di Tortosa.

VICENZA: partecipazione a congressi e incontri in Italia e all'estero, corsi di Esperanto, organizzazione di conferenze, contatti con la stampa.

FAKAJ GRUPOJ:
- IFEA: membri in 13 città con ferventi attività a Bologna, Padova, Verona, Venezia, Udine, corsi, conferenze, corrispondenza, articoli, contatti con la dirigenza delle Ferrovie, collaborazione con i gruppi locali della FEI.

ATTIVITÀ DELLA GIOVENTÙ ESPERANTISTA ITALIANA (IEJ)
Quest'anno la IEJ si è riunita come lo scorso anno 8 volte. Il direttivo è stato composto da un cospicuo numero di nuovi consiglieri, che hanno svolto il loro lavoro in modo più o meno soddisfacente.
I progetti realizzati sono stati:
- l'organizzazione del 27° festival internazionale, svoltosi a Savona nel periodo di Pasqua 2003;
- due seminari formativi per i correttori del corso a distanza KIREK (in collaborazione con la FEI);
- incontro per novuloj a Padova;
- partecipazione alla riunione straordinaria del mejk okej organizzato dalla TEJO;
- concorso per chi ha effettuato l'esame di primo grado;
- partecipazione alla fiera di Riccione.
I rapporti con la FEI quest'anno sono stati in certi momenti problematici, relativamente alla gestione del sito Internet. Dopo alcune riunioni svoltesi tra le due parti la situazione è migliorata. Per il resto va detto che in compenso si sono intensificati e sono decisamente più proficui di quanto lo siano stati in passato, soprattutto grazie all'apertura del presidente FEI nei confronti dei giovani.
I rapporti con i gruppi locali non hanno subito modifiche rispetto agli anni precedenti.
Con la stampa interna al movimento (Nova Sento e Nova Sento in Rete) non ci sono stati evidenti modifiche. Rispetto alla gestione precedente Nova Sento è decisamente migliorato e va espressa una lode per i nuovi redattori che si sono impegnati molto nel loro lavoro.
Con la TEJO i rapporti sono stati segnati come negli anni precedenti, legati soprattutto alla questione finanziaria.
Il presidente ha partecipato alle riunioni del Premio Marelli.
Per quanto riguarda il sito Internet, il lavoro dell'amministratore l'ha reso molto semplice da utilizzare e ne ha migliorato la grafica, arricchendo anche le informazioni e i servizi all'interno dello stesso. Il progetto di rifare il corso KIREK è pressoché ultimato e si aspetta solo l'ultima parte di automatizzazione prima di diffonderlo. Gli utenti quest'anno sono stati molti, anche se alla fine del corso non sono arrivati in tantissimi.
In collaborazione con la Tavola della Pace, una delegazione della IEJ ha partecipato alla fiera svoltasi a Riccione nel maggio del 2002.

Laura Brazzabeni
Segretario Generale FEI


INTERNACIA JUNULARA KONGRESO 2004 EN RUSIO

Pasintsemajne la estraro de TEJO oficiale akceptis inviton de Rusia Esperantista Junulara Movado (REJM) gastigi la 60an Internacian Junularan Kongreson (IJK) en Rusio (meze de julio 2004). Jam trovigxis ejo por la IJK kaj kreigxis provizora pagxaro: <http://www.tejo.org/rejm/ijk>.

El Tejo-Aktuale
<http://www.tejo.org/tejo-aktuale>


TEJO-AKTUALE: Informilo de junaj esperantistoj

Kio okazas?! Kiel vi vidas, nun venas la plej aktiva tempo de la jaro por esperantumado. Cxu viaj esperantaj amikoj scias pri la plej aktualaj okazajxoj en Esperantio? Eble ili volas esti informitaj, sed ne volas havi retposxtkeston tute plenan de esperantaj mesagxoj. Helpu nin informi aliajn pri la eblecoj uzi Esperanton. Plusendu cxi tiun mesagxon al E-amiko aux ligu al <http://www.tejo.org/tejo-aktuale> en via retpagxaro!


Korespondi deziras: junulo el Nepalo

Estimataj samideanoj el unu bona lando de mondo, Italio,

saluton el lando de Everesto, la plej alta monto de la mondo, centro de hinduismo kaj budhismo, kie okazas senfina sinsekvo de festivaloj !
Mi pensas ke vi estas tre okupita.
Mi estas Navin de Kathmandu, Nepal.
Mi volas amikumi kaj esperantumi. Mi volas legi de tempo al tempo.
Bonvolu skribi al mi posxte.
Bonvolu sendi foton kaj organojn( gazetojn) posxte se eble.
Mia hobioj estas instruado, bildkartoj, komputilo, legado, vojagxado, bildoj, numizmatiko ktp.
Se mi gxenas bonvolu pardoni min !
Mi dankas vin antauxe sed mi ne volas gxeni.
Bondezirante kaj atendante,

Navin Lal Shrestha, GPO Box 11753, Kathmandu, Nepal, Asia.
skribu_navin@yahoo.com


Nuovo indirizzo di Francesco Amerio

Come anticipato nelle scorse settimane, nei giorni scorsi ho cambiato residenza.
Il mio nuovo recapito è:
Corso Stati Uniti 10
10128 TORINO
Telefono 011 5172862

Framerio
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia