"Nova Sento in Rete" n. 361 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 361     2004-02-28
> Esperanto - istruzioni per l'uso: Come costituire un gruppo locale
> 28° Festival Giovanile Internazionale: "la musica riunisce i popoli"
> Esami di Esperanto
> Lokaj Esperanto-grupoj en Interreto
> Roma grupo - historio
> Kunvojagxo al OSIEK-konferenco pri "Esperanta gazetaro"
> Verbale della riunione del Comitato Esecutivo (C.E.) del 30 Gennaio 04
> MIRo 2004 - pli da informoj


  Contenuto
Esperanto - istruzioni per l'uso: Come costituire un gruppo locale

La possibilità di incontrare altri esperantisti, per potersi esercitare e per poter concretizzare attività divulgative o di insegnamento della lingua, è ovviamente un aspetto importantissimo per lo sviluppo dell'Esperanto su un territorio.

Del resto i gruppi locali sono l'ossatura stessa dell'esperantismo in Italia, rappresentato dalla FEI, che è per l'appunto la Federazione Esperantista Italiana dei gruppi e di alcune associazioni di categoria (i giovani, i ferrovieri, ecc.).

I passi fondamentali per la costituzione di un gruppo locale sono i seguenti.

a) verificare che un gruppo non esista già: basta una visita al sito www.esperanto.it per avere l'elenco dei gruppi. In alternativa si possono chiedere notizie alla segreteria della FEI a Milano (indirizzi e telefono sono sempre disponibili in coda a NSiR). Se si scrive o telefona alla FEI si può anche chiedere se c'è qualche esperantista isolato (e magari senza posta elettronica).

b) Non ci sono gruppi: allora bisogna trovare gli esperantisti. Al proposito un messaggio su NSiR del tipo "AAA esperantisti nella val Brembana cercansi" può essere di aiuto. Bastano 3 righe per mandare un appello a un sacco di gente in giro per l'Italia.

c) Per la costituzione del gruppo e sufficiente essere in 3 esperantisti (o simpatizzanti). Se ci siete urge una telefonata o una cartolina a Milano per chiedere maggiori dettagli.

d) Non sono necessari atti costitutivi o statuti: quelli, se volete, verranno con il tempo. Inoltre parte della vostra quota associativa rimarrà al gruppo per finanziare le sue attività.

La redazione di NSiR è a Vostra disposizione per ulteriori dettagli.

Framerio
f.amerio@libero.it


Il 28° Festival Giovanile Internazionale dal 7 fino al 13 aprile 2004 Sugli appennini tosco-emiliani, all'Abetone (PT), parleremo di musica

28° FESTIVAL INTERNAZIONALE GIOVANILE "LA MUSICA RIUNISCE I POPOLI"

Il nostro Festival è uno degli incontri giovanili europei più popolari.
Partecipa sia chi parla già fluentemente l'Esperanto, sia chi ancora non lo conosce; e ognuno respirerà la particolarissima atmosfera degli incontri giovanili esperantisti, fatta di amicizia, divertimento, rispetto delle differenze. È possibile partecipare a costi molto convenienti, con sacco a pelo e pasti autogestiti. Al Festival è facile fare amicizia con ragazzi stranieri; in seguito ci saranno tante occasioni per ricambiare la visita, agli incontri giovanili organizzati all'estero oppure con il Pasporta Servo.
Ogni anno viene scelto un tema per il Festival, su cui si svolgono conferenze, discussioni, lavori di gruppo. I non interessati possono scegliere corsi e gruppi fuori tema, ad esempio: corsi di ballo, pittura, difesa personale ecc. Di solito non mancano un corso di Esperanto per principianti (che possono subito mettere in pratica quanto appreso) e uno di italiano per esperantisti stranieri. Il programma serale di solito prevede un concerto, uno spettacolo teatrale in Esperanto, una passeggiata notturna in città , ecc. Fino a notte fonda funzionano il bar, la discoteca e il gufujo (una specialissima sala da tè). Di solito sono previste un'escursione di una giornata e una di mezza. È anche bene precisare che al Festival niente è obbligatorio, ognuno decide liberamente come gestire il proprio tempo.

Iscrivetevi online: <http://iej.esperanto.it/ijf/2004> o scrivete a per maggiori informazioni.


Esami di Esperanto

La Federazione Esperantista Italiana, nell'ambito delle iniziative in preparazione del 91° congresso mondiale di Esperanto, Firenze 29 luglio 5 agosto 2006, ha deciso di incentivare lo studio e l'approfondimento della lingua Esperanto.
A questo scopo, in collaborazione con l'Istituto Italiano di Esperanto ha deciso:

1. di regalare ad ogni socio FEI che conseguirà il diploma di 1° grado una copia del libro 'Propostè di Carlo Minnaja. Si tratta di un testo di studio adatto alla preparazione per il corso di 2° grado, in cui vi sono molti brani di letteratura italiana con traduzione a fronte, corredata di complete note esplicative.

2. di regalare ad ogni socio FEI che conseguirà il diploma di 2° grado una copia del libro 'Itala Antologiò che raccoglie le traduzioni in Esperanto delle opere più significative - sia poesia che prosa - della letteratura italiana dal 1200 al 1900.

3. di regalare ad ogni socio FEI che conseguirà il diploma di 3° grado una copia del vocabolario italiano-esperanto di Carlo Minnaja.

I responsabili delle cattedre sono invitati a comunicare alla segreteria FEI i nominativi dei diplomati per la consegna del premio.

per il Consiglio Nazionale
Michela Lipari


Lokaj Esperanto-Grupoj en Interreto

Cxirkaux ducent el la Esperanto-Grupoj trovigxas nun, ofte kun sinprezento, sur la grupaj mapoj cxe http://EsperantoLand.org/grupoj .

Fakte temas pri la ttt-ejo, kie kolektigxas informoj pri Esperanto-grupoj, kiuj sxatas ricevi vizitantajn esperantistojn.

Memoru krome, ke por helpi la laboron pri la kontaktoj inter la esperantistoj logxantaj en gxemelaj urboj, pri kiu zorgas Wu Guojiang, , estas alia ttt-ejo, http://www.miaflanko.de/lokaj_grupoj/, kie estas la informoj pri la grupoj kaj samtempe pri la urboj, kun kiu gxemelas la urbo, en kiu estas la registrata grupo. En tiu ejo nun estas 64 grupoj. La programo estis farita de Karin Weirich, en la ttt-ejo de sxi kaj de Robert Bogenschneider.

Bonvolu registri vian grupon cxe: http://EsperantoLand.org/grupoj kaj http://www.miaflanko.de/lokaj_grupoj/



Roma Grupo - historio

Mi pretigas historion de Roma Grupo okaze de gxia centjarigxo.
Ripetante la inviton kunlabori kun mi por la esploroj (sciigu cxu vi havas fotojn, dokumentojn, biografiajn informojn) mi informas ke mi enmetis du historiajn fotojn en la interreto.
www.ikue.org/roma/indekso.htm

Salutojn!
Carlo Sarandrea
c.sarandrea@tiscalinet.it



Kunvojagxo al OSIEK-konferenco pri "Esperanta gazetaro" en Pechs (HU), 17-23.07.04.

Italaj esperantistoj povas ricevi plian helpon kaj konsilojn por la kunvojagxo al OSIEK-konferenco pri "Esperanta gazetaro" en Hungario. Nome, por OSIEK (Organiza Societo de Internaciaj Esperanto-Konferencoj) la cxi jaran konferencon tie organizas la triesta firmao "Orbis Pictus" de Visnja Brankovic.
Internacia Esperanto-Konferenco ofertas altnivelajn prelegojn kaj rezervas suficxe da tempo por kundiskuti ilin, sed, ankaux, bone prizorgas la komencantojn.
Por konservi la kvaliton kaj la familiecan etoson la nombro de partoprenantoj estas limigita al maksimume 150 personoj.
Inter la prelegontoj kiuj de la 17-a gxis la 23-a de julio pritraktos la konferencan temon en sudhungara urbo Pecs jam trovigxas: Gerrit BERVELING, Ed BORSBOOM, Maria BUTAN, Otto HASZPRA, Vinko OSHLAK.
Krom la esperanta programo la partoprenontoj povos gxui ricxan kulturan kaj turisman oferton de unu el la plej belaj kaj gravaj urboj en Hungario, la urbo kun UNESCO-monumentoj kaj la unua hungara universitato (el 1367).
Dum la tritaga postkonferenca ekskursaro eblos pli bone konatigxi kun la milda regiono BARANYA kaj gxiaj montetoj, kasteloj, termalbanejoj, vinvojoj, naturparkoj... kun la ebleco viziti ankaux la najbaran gxemelurbon OSIJEK en Kroatio!
Diversaj logxkategorioj, inter kiuj ankaux tre favorprezaj, ebligos al cxiuj interesitoj sperti unu inter plej kvalitaj esperantaj arangxoj.
Orbis Pictus jam organizis IEK en la jaro 2000 en Motovun/Montona (Istrio, HR) kaj gxi gastis en 1998 en Triesto, organize de TEA (Triesta Esperanto-Asocio).
La plej favora aligxperiodo finigxas la 29-an de februaro 2004. La dua dauxras gxis la 30-a de aprilo 2004. Aligxilon kaj pliajn informojn eblas peti de:
ORBIS PICTUS di Visnja Brankovic - Via Parini 5, IT-34 129 Trieste
tel/fax: +39 / 040 767 875 - orbispictus@iol.it


MIRo 2004 - pli da informoj

Saluton!
Cxijare MIRo okazos en Pula, kiu situas cxe la fino de la duoninsulo Istra, en Kroatio de la 1an gxis la 6an de aprilo. La limdato por la aligxo en la unua aligxperiodo dauxros gxis la 1an de marto 2004.
Antauxpago cxe aligxo estas 10 euroj.

Pli da informoj kaj la aligxilon vi trovos cxe
http://www.angelfire.com/ky3/keja/miro2004.html.

Bonvolu informi viajn geamikojn!


Verbale della riunione del Comitato Esecutivo (C.E.) della Federazione Esperantista Italiana (FEI)

tenutasi a Bologna sabato 31 gennaio 2004 presso il Gruppo Bolognese _A. Tellini in via Avesella 16, con il seguente O.d.G.:
1) lettura e approvazione verbale seduta precedente
2) comunicazioni del presidente e di altri consiglieri
3) congresso mondiale 2006 e nazionale 2004 e 2005
4) consuntivo premio Zamenhof
5) bilancio preventivo 2004
6) situazione sito www. esperanto.it e caselle posta
7) attività editoriale
8) azioni in occasione delle elezioni europee 2004
9) variazioni statuto FEI
10) data e luogo prossimo CE
11) varie ed eventuali

Sono presenti: Grassini, che presiede, Brazzabeni, che verbalizza, Oberrauch, Polerani, Menghini, Tomba
Assente (giustificato): Lipari
I lavori iniziano alle ore 10.30.

PUNTO 1
Il verbale della seduta precedente è approvato all'unanimità con le seguenti variazioni: (omissis)

PUNTO 2
Brazzabeni presenta il messaggio ricevuto da Nunzio Parisi, associato della Sicilia. Il CE prende atto con piacere che gli associati siciliani possano collaborare tra di loro al fine di far conoscere la lingua sull'isola. Il CE autorizza gli associati siciliani, coordinati da Parisi, a fare propaganda dell'Esperanto a nome della FEI; il CN formalizzerà questa indicazione. In attesa della decisione del CN la segreteria invierà lettera a Parisi e per conoscenza agli altri associati siciliani, affinché possano iniziare da subito la loro attività di diffusione della lingua e del movimento.
Brazzabeni comunica che il redattore della rivista è pronto per la spedizione del n. 1 ed evidenzia che il redattore ha fatto presente che mancano per i prossimi numeri articoli e collaborazione degli associati.
Grassini comunica che per procedere alla sostituzione del direttore della rivista (da Broccatelli a Cinquantini) a inizio 2004 come previsto, servono tempi tecnici lunghi, per cui il n. 1 e probabilmente il n. 2 saranno ancora firmati da Broccatelli.

PUNTO 3
Congresso 2006: riferisce Grassini: c'è una fitta corrispondenza in rete sulle diverse attività organizzative. Sono state formate liste di discussione tra le varie commissioni.
Si sarebbe dovuto firmare un contratto con un'agenzia che rappresenta Firenze per l'attività congressuale. Mentre in un primo tempo sembrava fosse il presidente FEI ad essere la controparte, si è poi visto che in realtà la firma deve essere apposta da un rappresentante dell'UEA. Ora è stato inviato all'Uea un testo in inglese da parte dell'agenzia, si prevede che contratto sarà firmato in tempi brevi. Grassini comunica che sta lavorando parecchio la commissione che si occuperà delle attività turistiche. Anche la commissione sulle attività artistiche si sta muovendo attivamente. La 'macchinà organizzativa sta quindi lavorando sodo. Non è stato ancora assegnato il ruolo di cassiere. Grassini comunica che Polerani è stato contattato per tale carica e si è in attesa di una sua risposta. Il LOK (Loka Organiza Komitato) del congresso mondiale di Firenze del 2006 dovrebbe avere una certa autonomia, sempre rispettando il regolamento congressuale.
Polerani riferisce che è disponibile a dare una mano e a collaborare, ma prima di assumere ufficialmente l'impegno desidera conoscere il ruolo e i compiti che gli verrebbero attribuiti. Polerani è del parere che dovrebbe essere aperto un conto bancario per la gestione delle quote; egli si dichiara disponibile ad assumere questo incarico solo se la sig.ra. Bassi, che si occupa della segreteria, è disponibile a collaborare. Per quanto riguarda la presenza del cassiere del LOK durante lo svolgimento del congresso, Polerani evidenzia la necessità della presenza di un'altra persona allo sportello. Il conto corrente dovrebbe essere aperto dal Presidente FEI con delega di firma e sarebbe bene fosse presso una banca di Firenze con sede o succursale anche a Milano.
Polerani fa presente che ci dovranno essere accordi scritti ben chiari tra FEI e UEA per quanto riguarda qualsiasi questione finanziaria.
Il CE propone che sarebbe bene formare anche una commissione o un piccolo gruppo che si occupi della questione finanziaria, così come succede già per altre commissioni riguardanti altri punti organizzativi. La sig.ra Bassi è d'accordo a supportare Polerani. È necessario che una persona del gruppo che si occupa delle finanze sia di Firenze o zone limitrofe.
L'accettazione di Polerani è dunque subordinata alla risoluzione di queste questioni. Tomba fa presente che in occasione di un incontro del LOK a Firenze lui e Bolognesi si sono proposti per la carica di cassiere.
Polerani si dichiara disponibile ad accettare la carica a condizione di conoscere preventivamente le persone disponibili ad assumersi l'incarico di cooperare attivamente fino alla chiusura del congresso e oltre e che qualsiasi spesa da sostenere sia preventivamente approvata dal LOK.
Oberrauch evidenzia che è necessaria una buona collaborazione tra il LOK e i responsabili dell'UEA sia per quanto riguarda l'aspetto organizzativo dell'alloggio, delle gite, ecc., al fine di non compiere gli errori dello scorso congresso mondiale.
Grassini evidenzia che il LOK avrà una sua autonomia operativa e si dovrà attenere al regolamento del congresso.
Il CE prende atto.
Congresso nazionale 2004: riferisce Grassini: Flavia dal Zilio si sta attivando e sta lavorando parecchio con il Comitato organizzatore. Il CE prende atto.
Come di consueto è stato rammentato al LKK del congresso nazionale di Treviso che al termine del congresso dovranno essere inviate alla FEI il 30% delle quote di iscrizione.
Congresso nazionale 2005: il gruppo di Milano ha rinunciato all'organizzazione. Si dovrà rinnovare l'appello ai gruppi al fine di trovare candidati. Brazzabeni manderà comunicazione ai gruppi.

PUNTO 4
Grassini: illustra la documentazione presentata alla Regione Marche e alla Provincia di Ancona per ottenere il contributo. Sono qui presenti solo le spese documentate e documentabili sostenute, tra cui un terzo delle spese per le sculture. Non figurano le spese tipografiche in quanto fatturate direttamente allo sponsor Citroen e nemmeno quelle postali dato che lo sponsor ha fornito i francobolli. La ditta che ha fornito il pianoforte risulta come collaboratore.
Grassini consegna la documentazione di spese e entrate.
(omissis)
Risulta un attivo di circa 600 Euro.
Il CE prende atto.
Questo avanzo risulterà dal bilancio 2004 della FEI.
Meneghini riferisce sulla rassegna stampa del premio Zamenhof.

PUNTO 5
Polerani presenta bozza del bilancio preventivo del 2004 che si allega. Le uscite risultano maggiori delle entrate per quasi 9000 Euro.
Alla bozza si propongono le seguenti variazioni: 1000 Euro in uscita per congresso Firenze 2006, anziché 500 Euro come proposto dal cassiere. 500 Euro per la gestione sito messe in "gestione ufficio" vengono spostate in "informazione".
Il CE prende atto del disavanzo in bilancio preventivo, ma evidenzia che le spese risultano ridotte all'osso e non sembra possibile variare alcuna voce, si evidenzia inoltre che sarebbe necessario aumentare le entrate.
I membri approvano la bozza di bilancio preventivo all'unanimità.

Pausa pranzo dalle 13.40 alle 14.15

PUNTO 6
Brazzabeni comunica le modifiche di DNS avvenute, e la rispedizione della lettera di richiesta di cambio admin-c.
Brazzabeni propone inoltre che al fine di evitare "spamming" nella posta elettronica vengano tolti dal sito gli indirizzi di posta elettronica esperanto.it e propone in sostituzione di creare una pagina html con un form e alcuni campi da riempire: nome del visitatore, indirizzo di posta elettronica, testo da trasmettere; e creare uno script php che prenda i dati immessi, li formatti e generi un messaggio di e-mail, inviato ad una casella postale prefissata e "nascosta" nello script stesso.
La proposta è messa ai voti: 5 contrari, 1 favorevole.
Tomba riferisce sulle innovazioni fatte nel sito in collaborazione con il tecnico incaricato Gianfranco Molle.

PUNTO 7
Riferisce Grassini: gli eredi di Pirandello non hanno ancora risposto alla richiesta di pubblicazione dell'opera.

PUNTO 8
Riferisce Grassini: è stato formulato da parte dell'EEU un documento a livello europeo, da proporre ai candidati alle prossime lezioni europee. Su suggerimento del consigliere Broccatelli Grassini propone anche di aggiungere che i candidati si impegnino a promuovere una conferenza sulla comunicazione linguistica.
Grassini propone, inoltre, un testo in vista delle elezioni europee per impegnare i partiti (come del resto già deliberato dal Consiglio Nazionale) in una dichiarazione congiunta un po' più articolata del documento da presentare ai candidati.
Testo proposto:
DICHIARAZIONE CONGIUNTA
La Federazione Esperantista Italiana e il Partito ....., considerato che la così detta "globalizzazione", caratteristica del nostro tempo, riguarda non soltanto i fenomeni economici e sociali, ma anche le culture e le lingue; pur sottolineando gli aspetti positivi di una comunicazione che coinvolge gli Stati e gli individui al di là dei confini che separano gli Stati e le culture, esprimono piena concordanza nella valutazione dei seguenti punti:
1. la nostra età sopravanza tutte le altre per la facilità e la ricchezza delle comunicazioni tra gli uomini, le idee e le cose in ogni parte del Pianeta. Ciò imprime un'accelerazione senza precedenti ai processi di integrazione culturale ed umana che costituiscono il fondamento di qualsiasi forma di progresso;
2. appare tuttavia necessario conciliare gli enormi vantaggi dell'integrazione delle risorse e delle culture con la salvaguardia delle tradizioni, dei valori e del patrimonio culturale di ciascun popolo;
3. ogni popolo possiede un'identità che sta a fondamento della sua dignità e che si esprime nella sua cultura;
4. l'identità culturale di un popolo si manifesta nella sua lingua. Non si può affermare la pari dignità tra le culture se non si afferma la pari dignità delle lingue;
5. In particolare, la Comunità Europea , se vuol essere unione democratica di popoli e di culture diverse, deve garantire uguali opportunità e un identico rispetto a tutte le comunità linguistiche che la costituiscono;
6. il Parlamento Europeo dovrà considerare senza pregiudizi e senza prevaricazioni l'importanza della comunicazione internazionale, studiandone i problemi con rigore scientifico e cercando le soluzioni più facilmente
praticabili e rispettose dei diritti di tutti i popoli della Comunità;
7. il Parlamento Europeo dovrà, tra l'altro, attivare una commissione di esperti per lo studio del problema della comunicazione linguistica nella Comunità.
Tale proposta è stata fatta anche alla commissione politica della FEI. Un secondo passo sarà di contattare i singoli candidati, dopo la presentazione delle candidature. Il problema sarà ottenere a livello centrale l'attenzione dei partiti. Grassini è disponibile ad occuparsi della spedizione delle lettere ai candidati con relativo materiale, come ad esempio: Dati e fatti. Brazzabeni e Oberrauch non sono d'accordo su questo testo, ritenendolo non adatto per questo tipo di utenza.
Polerani fa presente che i politici possono non essere interessati, evidenzia anche la questione finanziaria per la spedizione.
Meneghini propone una pagina nel sito a disposizione dei partiti e dei candidati europei, in questo modo si risparmierebbe sulle spese di spedizione. Come libro da dare ai candidati in occasione di un eventuale incontro personale si propone lo Janton e/o il numero speciale della rivista 2003.
Si propone di inviare lettera a tutti i candidati con il documento di Bruxelles da sottoscrivere e rispedire e indicazione del sito dove trovare informazioni, seguiranno contatti personali con candidati conosciuti o disponibili ad un incontro con consegna di un libro. Per questa ultima fase sarà richiesta una collaborazione dei gruppi.
Meneghini propone un cappello introduttivo per la dichiarazione congiunta dove si parli della neutralità dell'Esperanto e della federazione.
La dichiarazione congiunta può essere modificata in qualche parte se entrambe le parti sono d'accordo.
Polerani fa presente che con questa azione si rischia di andare contro alla neutralità dell'Esperanto.
Le proposte sono messe ai voti: 5 favorevoli, 1 astenuto.

PUNTO 9
Nel numero 1 della rivista uscirà un messaggio del presidente che invita gli associati a fare proposte per eventuali variazioni dello statuto. Le proposte devono essere inviate al segretario generale entro il 15 marzo 2004. La Commissione statuto, nominata dal CN scorso, poi metterà assieme tutte le proposte, unirà quelle simili e porterà il documento finale al CN di maggio.

PUNTO 10
La prossima riunione del comitato esecutivo avrà luogo sabato 17 aprile a Bologna alle ore 10.30.
La commissione che si occupa di raccogliere le proposte di variazione dello statuto intende riunirsi sabato 27 marzo ore 10.00 a Milano. Il Consiglio di Amministrazione del Fondo Marelli si riunirà domenica 28 marzo ore 10.00 a Milano.

PUNTO 11
Brazzabeni presenta la proposta fatta dall'amministratore KIREK per la revisione e correzione del corso, finanziamento da parte FEI al 50%.
Il grosso del lavoro dovrebbero essere fatto a casa dai membri della commissione e poi seguiranno un paio di incontri.
Oberrauch e Brazzabeni fanno presente la necessità di organizzare un seminario di conversazione per i correttori.
I finanziamenti potrebbero essere presi dai 500 Euro per i seminari.
Oberrauch riferisce che l'associato De Mattheis ha chiesto alla FEI il diritto di fare riferimento alla nostra associazione e di poter usare il suo logo per documentare l'origine del suo CD "Simpla Gustumo de Esperanto". Sul CD, sotto le diverse bandiere, ci sono tre righe libere che possono servire ad inserire la scritta:
Federazione Esperantista Italiana
via Villoresi 38, MILANO
In prestito d'uso
Il CE prende atto e chiede ad Oberrauch di fare una revisione del CD, al fine di non diffondere un materiale con possibili errori.

Il Presidente dichiara chiusa la seduta alle ore 16.15

Il Presidente
Prof. Aldo Grassini
Il Segretario
Prof. Laura Brazzabeni
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia