"Nova Sento in Rete" n. 502 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 502     2006-11-10
> Esperanto - istruzioni per l'uso: IFEA Associazione Italiana Ferrovieri Esperantisti
> 10 Dicembre - Ancona - Premio Zamenhof - i premiati
> Per noi e’ importante conoscerti! Attivita’ della IEJ
> Bonfartiga semajnfino en Lovran / Laurana (HR), 24-26.11.06
> L'esperanto all'AVIS di Prato
> Iniziative sull'esperanto nelle Marche
> Projekto Indigxenaj Popoloj - Kio gxi estas?
> Salviamo Radio Polonia!
> Canzoni in esperanto su Arcoiris TV


  Contenuto
Esperanto - istruzioni per l'uso: IFEA ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI FERROVIERI ESPERANTISTI E NON SOLO

Presso il D.L.F. di Bologna, ed in altri dlf italiani, opera il Gruppo ESPERANTO, attivo anche come Segreteria Nazionale dell'Associazione Italiana dei Ferrovieri Esperantisti (I.F.E.A.) e Presidenza della Federazione Internazionale dei Ferrovieri Esperantisti (I.F.E.F.).

Il DLF nazionale aderisce alla FISAIC, la federazione internazionale per le attivita’ culturali fra i ferrovieri, con sede a Parigi. Fra le tante attivita’ rappresentate (musica, danza, folclore, arti figurative, fotografia, bridge, scacchi, radio-amatoriale, ecc.) quella esperantista e’ sicuramente la piu presente e costante. Inoltre l'Esperanto e’ lingua ufficiale della FISAIC insieme al francese e al tedesco.

I ferrovieri esperantisti dell'IFEA, nata nel 1922 e ricostituitasi nel 1950, perseguono i seguenti fondamentali fini:
- a) riunire i ferrovieri esperantisti italiani;
- b) promuovere la conoscenza e la diffusione dell'Esperanto coordinando le iniziative per favorirne lo studio, il proselitismo e l'informazione;
- c) organizzare manifestazioni, incontri, seminari, soggiorni e congressi per favorire la conoscenza personale e la reciproca ospitalita’ fra ferrovieri ed esperantisti di tutto il mondo;
- d) ottenere ogni possibile riconoscimento da parte delle Autorita’ e delle Amministrazioni ferroviarie.

L'IFEF, nata nel 1909 e rifondata nel 1949, e’ formata attualmente da 24 Associazioni Nazionali, fra cui Cina e Giappone, che rappresentano un numero molto vasto di ferrovieri o professionalmente affini di molte reti statali e private, i loro familiari e sostenitori.

L'IFEF organizza, ogni anno e in Paesi diversi, il Congresso Internazionale dei Ferrovieri Esperantisti, in seno al quale operano le Commissioni internazionali, come quelle:
- per la traduzione uniforme ed univoca dei termini e delle convenzioni ferroviarie,
- per le conferenze di tematica ferroviaria,
- per la storia.

Tutto cio’ al fine di conoscere e divulgare tecniche e innovazioni ferroviarie, scambi di visite guidate ai piu’ interessanti impianti presso le varie reti, ecc.

Notevole e’ anche la partecipazione della IFEF come membro della UIC (Unione mondiale delle ferrovie) e del suo Progetto RailLex che cura la traduzione dei termini ferroviari. L'Esperanto e’ inserita fra le attuali 20 lingue ufficiali.

Inoltre, tramite l'IFEF, l'IFEA aderisce anche all'U.E.A. (Associazione Esperantista Universale, Rotterdam, NL, Membro Consultivo dell'UNESCO), che raggruppa le Associazioni Esperantiste Nazionali e quelle di Categoria di tutto il mondo (p.e.: ferrovieri, medici, automobilisti, giornalisti, ciechi, filatelici, cattolici, scacchisti, radio-amatori insegnanti, musicisti, ecc.), capaci di sviluppare iniziative particolari. L'UEA organizza ogni anno il Congresso Universale di Esperanto sempre in Paesi diversi con la partecipazione di migliaia di Delegati di ogni parte della Terra.

L'IFEA aderisce anche alla F.E.I. (Federazione Esperantista Italiana, Milano, Ente morale), che e’ formata dai Gruppi locali e di categoria, presso i quali si svolgono corsi di lingua internazionale e svariate attivita’. Anche la FEI organizza ogni anno il Congresso Nazionale in citta’ diverse.

In Italia vi sono gia’ stati quattro Congressi, tre Settimane sciistiche internazionali e moltissime attivita’ fra ferrovieri svolte anche nelle strutture dei vari DLF, come per esempio a Plan di Valgardena.

Ricordiamo quindi le prossime principali manifestazioni esperantiste libere a tutti:
59-a Internacia Fervojista Esperanto Kongreso en Parizo 12/19 majo 2007

L'adesione all'associazione e’ aperta non solo ai ferrovieri ma anche a coloro che operano nell'ambito dei trasporti e agli amanti della ferrovia e fermodellisti.

Romano Bolognesi

Altre informazioni ai siti: www.dlfbo.it/esperanto e www.ifef.net

vitorni@virgilio.it o co16919@iperbole.bologna.it

*********************

10 Dicembre 2006 PREMIO "ZAMENHOF - LE VOCI DELLA PACE"

I personaggi prescelti per il Premio "Zamenhof - Le Voci della Pace" V° Edizione sono:
- Teresa Strada in qualita’ di presidente di Emergency;
- Claudio Abbado (ritirera’ il premio il nipote Simone Abbado) per il suo sostegno dato all'Orchestra giovanile del Venezuela, costituita con i ragazzi strappati alla strada;
- Angelo Frammartino (alla memoria), il giovani volontario ucciso il 10 agosto a Gerusalemme.

Il nome di Frammartino e’ stato indicato dagli alunni dell'Istituto Tecnico "vanvitelli-Stracca-Angelini" di Ancona.
Claudio Abbado ricevera’ anche la somma di 1000 E. per una borsa di studio da assegnare ad un giovane musicista latinoamericano.
Il 9 dicembre verra’ anche consegnato il Premio "Umberto Stoppoloni – Le Integrazioni Impossibili" alla cooperativa "I Girasoli" di Roma che ha creato una locanda con l'impiego di alcuni giovani down.

Aldo Grassini
Ancona

Nota Bene: Per motivi logistici la manifestazione e’ stata spostata al 10 Dicembre (in precedenza era programmata per il 9 Dicembre).

Framerio

*********************

Per noi e’ importante conoscerti!
Attivita’ della Gioventù Esperantista Italiana (IEJ) tra sogni e progetti

La Gioventu’ Esperantista Italiana ha incontrato nella Gioventu’ Esperantista Polacca una gemella separata alla nascita: non solo anch'essi organizzano un incontro internazionale (di cui leggerete qui in Nova Sento), ma anche loro sono relativamente pochi come noi. Loro si fanno forti di due grandi gruppi locali (a Varsavia e a Poznan), mentre noi abbiamo diverse forze sparse sul territorio: chi abita in provincia di Bari (Nicola Ruggiero), chi tra Genova e Torino (Daniela Tagliafico), altri sono in Piemonte (Michael Boris Mandirola), Lombardia (Luca della Maddalena), Emilia-Romagna (Mirko Chiaramonte e Flaviano Tarducci); da menzionare anche i "migranti" a Ginevra (Michele Gazzola) e Liverpool (Francesco Maurelli). Ma molto si risolve grazie a internet. Non solo e’ possibile scambiarsi messaggi con facilita’ tramite la nostra mailing list "iej-aktivuloj" ma possiamo anche contribuire al podcast dei nostri "gemelli" polacchi: gia’ da molto tempo esiste "l'angolo della IEJ" nelle loro trasmissioni che sono molto divertenti e ricche di ottimi contenuti!
Il consiglio direttivo della IEJ si e’ riunito ultimamente a Firenze durante il congresso mondiale e a Lignano Sabbiadoro a fine settembre.
A breve avremo la sede del prossimo Festival Internazionale della Gioventu’ che si terra’ dal 5 al 10 aprile 2007. Naturalmente ci stiamo impegnando gia’ da tempo affinche’ abbia un programma tematico ricco e interessante, e un programma extratematico caro agli esperantisti: vi daremo l'occasione di imparare lingue straniere grazie ai nostri amici conoscendo quindi un aspetto della loro cultura e anche un seminario di formazione per chi vuole essere attivo nel movimento esperantista.
Prima del Festival, abbiamo in programma diversi incontri con chi ha avuto un approccio iniziale all'esperanto e che magari ha mille domande che vogliono una risposta; nei mesi di novembre e dicembre incontreremo dei ragazzi in Molise e altri di San Vittore Laziale. Ma non vogliamo affatto fermarci qui!
Se sei giovane (dentro o fuori, poco importa!) contattaci! Per noi e’ importante conoscerti :-)

Nicola Ruggiero
presidente IEJ
email: nicola.ruggiero@esperanto.it
msn: nicola.ruggiero@email.it
skype: nicolaruggiero

*********************

Bonfartiga semajnfino en Lovran / Laurana (HR), 24-26.11.06

"Orbis Pictus " el Trieste invitas esperantistojn, iliajn familianojn kaj amikojn, esperantajn aux ne, al ripoza kaj bonfartiga cxemara semajnfino 24-26.11.06 en pitoreska marborda urbeto Lovran / Laurana (en Kroatio, c. 60 km for de Trieste).

Pro la ekstersezona dato nun eblas profiti je tre bona prezo en jxus renovigita cxemara 4-stela hotelo "Excelsior" ( 78,00 euroj por 2 duonpensionoj, la bonveniga trinkajxo, senlima uzo de bazeno kun varmigita mara akvo, esperanta programo).

La programo, interalie, inkluzivas la prezentadon de la flugkaravano de Orbis Pictus al 92-a UK en Japanio 2007, novajxoj el Esperantujo, konversacian horon kaj, por neesperantistoj, prezentadon de Esperanto (kun la enkonduka leciono). Inter komunaj programoj (nagxadoj, promenadoj kaj aliaj adoj) estas ankaux renkontigxo kun esperantistoj de Rijeka/Fiume.

La partoprenantoj mem ankaux povas prezenti aliajn programerojn.

Lovran estas ligita kun monde pli konata “kvarnera perlo” Opatija / Abazzia , per regulaj interurbaj auxtobusoj kaj per la belega 6-kilometra apudmara promenejo.

Eblas pli longa restado (ankoraux malplikoste!) kaj pliaj lingvohoroj.

La organizanto pretas peri kunvojagxon per propraj auxtoj aux per publika auxtobuso.
Inter Trieste kaj Opatija frekventas cx. 5 busoj tage. Prezo de unudirekta bileto estas 5,70 euxroj.

Konsilindas tuja reago de interesitoj, pro neceso rezervi la cxambron.

ORBIS PICTUS di Visnja Brankovic
Via Parini 5, IT-34 129 Trieste - tel/fax: +39 / 040 767 875 (bv. lasi mesagxon)
orbispictus@iol.it / visnja.brankovic@os.htnet.hr

*********************

L'ESPERANTO ALL'AVIS DI PRATO

L'Associazione Volontari Italiani Sangue (AVIS) provinciale di Prato si e’ resa protagonista, nei mesi scorsi, di una campagna pubblicitaria denominata "Con-Vivere Solidale". La presentazione e gli elementi ispiratori del progetto sono ben descritti nella sezione PROGETTI del sito: http://www.avis.prato.it

Tale campagna ha avuto anche un'eco nazionale attraverso le pagine de "IL VENERDI" di Repubblica.

In poche parole si e’ trattato dell'affissione in citta’ di grandi manifesti in lingue straniere (nell'ordine: cinese, albanese, arabo e inglese), che hanno attirato l'attenzione e destato l'interesse per un periodo di circa due mesi. Alla fine sono apparsi i manifesti in italiano, che contenevano tutti i personaggi raffigurati precedentemente: essi rappresentano la sintesi dei messaggi stranieri con il testo "Donare sangue, un incontro di civilta’", la chiusura della campagna e l'auspicio di una nuova ed importante esperienza di integrazione e convivenza solidale.

In questo quadro l'AVIS di Prato ha ben pensato di tradurre in rete un testo di informazione sulle pratiche del dono del samgue, nelle lingue delle comunita’ presenti sul territorio. Dal mese di novembre 2006 tale testo appare anche nella lingua internazionale Esperanto, simbolo e garanzia anch'essa di un incontro possibile di civilta’.

Leonardo Pampaloni
pampal@freemail.it

*********************

Iniziative sull'esperanto nelle Marche

Il 9 Novembre a Pesaro si e’ parlato di esperanto. In qualita’ di presidente della FEI sono stato chiamato ad inaugurare l'anno accademico della Libera Universita’ Itinerante della Terza Eta’. Mi ha accompagnato anche Marco Menghini. Per circa un'ora e mezzo ho potuto parlare del problema della comunicazione linguistica e della soluzione esperantista davanti ad un pubblico molto attento di una cinquantina di persone. Ad un certo punto uno dei presenti ha cominciato a contestare le mie affermazioni con il solito discorso che l'inglese e’ gia’ lingua internazionale del commercio, ma buona parte dei partecipanti ha preso decisamente posizione contro le sue affermazioni!

Il 10 Novembre ad Ascoli Piceno presso la Banca del Tempo, organizzata dal prof. Giovanni Traini c'e’ stata una conferenza ampia e brillante del dr. Maraglino, cui ci siamo aggiunti io e Marco Menghini. Piu’ di un'ora e mezzo di dibattito davanti a una quarantina di persone con un confronto vivace di opinioni.

Osservazione a margine. Si e’ trattato di due iniziative di associazioni che non hanno niente a che fare con l'esperanto, rivolte ad un pubblico di non esperantisti. C'e’ stato un dibattito vero e si e’ fatta informazione autentica!

Un caro saluto

Aldo Grassini
Presidente FEI

*********************

Projekto Indigxenaj Popoloj - Kio gxi estas?

Preter la atento de multaj personoj, indigxenaj popoloj en cxiuj mondpartoj perdas siajn kulturojn. Cxu tio gravas al Esperantistoj?
Projekto opinias ke kiam homgrupon perdas sian kulturon, lingvon, aux vivmanieron, la homaro malricxigas. Cxiu kulturo entenas sciojn pri la natura mondo kaj la homaro kiuj valoras al cxiuj. Cxiu lingvo entenas homan aliron al la vivo kaj la esto.

La homaro, plejparte senscie aux senzorge, perdas erojn de sia homa ricxeco, kaj samtempe, multaj indigxenaj popoloj bezonas helpon por gvidi siajn kontaktojn kun aliaj kulturoj. Projekto Indigxenaj Popoloj malakceptas la perdon de la homa riceco, kaj subtenas la pacan kaj lauxvolan evoluon de indigxenaj poploj. Ankaux ni sercxas manierojn por informi al indigxenaj poploj kiel Esperanto povos kunigi ilin por reciproka respekto kaj subteno, kaj por kunuzado de ideoj kaj iloj.

Cxu tio entuziasmigas vin? Ni esperas ke jes!

Por ekscii pli pri Projekto Indigxenaj Popoloj (PIP), kontaktu:
(S-ro) Agavo Felker
ejfelker@dslextreme.com

*********************

Salviamo Radio Polonia!

Cari amici,
come forse avrete saputo, Radio Polonia sta per interrompere le trasmissioni in Esperanto.
Entro il 10 novembre dobbiamo far sentire la nostra voce aggiungendo alla protesta della FEI, quelle di tutti gli esperantisti italiani, sia come singoli che come Gruppi.
Da quasi 50 anni Radio Polonia ha costituito uno degli strumenti di comunicazione piu’ efficaci per gli esperantisti ed anche un riferimento per l'importanza della sua programmazione e del lavoro redazionale.
Prego dunque i singoli ed i Gruppi di inviare immediatamente una lettera all'Ambasciata polacca in Italia. Scrivete pure in italiano o in esperanto al seguente indirizzo:
Ambasciata della Repubblica Polacca,
Via P. P. Rubens 20, 00197 Roma.
Vi prego di dare la massima diffusione a questo messaggio in tutte le liste di esperantisti.
Ringraziandovi per la collaborazione che vorrete assicurare, vi saluto cordialmente.

Il Presidente FEI
Aldo Grassini

*********************

Canzoni in esperanto su Arcoiris TV

Cari amici,
e’ con grande gioia che vi comunico che la televisione Arcoiris TV, dopo aver gia’ programmato (3 settimane fa circa), nel quadro delle sue TRASMISSIONI VIA SATELLITE, una delle due canzoni in Esperanto scritte da me (testi) e Valerio Vado (musiche e arrangiamenti), ha ora messo in palinsesto anche l'altra canzone, che si intitola "Kiam alvenos la fino"...

"Kiam" verra’ trasmessa oggi e domani, quindi... Scaldate (di nuovo...) le vostre antenne paraboliche! ;-)

Ecco gli orari in cui verra’ trasmessa:
- Oggi, Venerdi’ 10 Novembre 2006, dalle 23:12 alle 23:16.
- Domani, Sabato 11 Novembre 2006, dalle 10:12 alle 10:16

COME VEDERE ARCOIRIS TV SUL SATELLITE:

- Per le persone fornite di un decoder non sky
Hotbird 7a - 13° est
TRASPONDER: 18
FREQUENZA: 11.541,03
FEQ: 5/6
POLARIZZAZIONE: Verticale
SYMBOL RATE: 22.000 Mbauds
Nome Canale: Arcoiris Tv

- Per le persone fornite di un decoder sky: canale 916

Ciao a tutti.

Andrea Fontana.
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia