"Nova Sento in Rete" n. 518 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 518     2007-02-27
> Meno due alla scadenza del primo periodo!
> 5-10 Aprile 2007 - Il Festival di Lignano Sabbiadoro
> Prorogato al 15 marzo il concorso IIE-IEJ
> Programma provvisorio IJF 2007
> Il Festival: scambi, cultura e turismo


  Contenuto
Meno due alla scadenza del primo periodo!

Manca davvero poco al 28 febbraio, data in cui scade il primo dei tre periodi per iscriversi al Festival Internazionale della Gioventù pagando la quota più conveniente!
Non farti sfuggire quest'occasione! Prenota un posto in prima fila al Festival più bello che c'è! ;-)

http://iej.esperanto.it/ijf/2007/alig.php

Nicola Ruggiero
nicola.ruggiero@esperanto.it

**********************

5-10 Aprile 2007 - Il Festival di Lignano Sabbiadoro

Il 31° IJF: in Friuli-Venezia Giulia dal 5 aprile al 10 aprile 2007 A Lignano Sabbiadoro, sul Mare Adriatico, si festeggeranno solennemente i 120 anni di esperanto

31° Festival Giovanile Internazionale "120 anni di Esperanto: 120 anni di pace e comprensione interculturale"

Il nostro festival e’ uno dei piu’ apprezzati incontri internazionali in tutta Europa. Si respira la speciale atmosfera esperantista, mista di amicizia, gioia e rispetto della diversita’. Partecipa sia chi ha gia’ una certa conoscenza della lingua sia il principiante che puo’ molto facilmente fare amicizia con italiani e stranieri.
E’ possibile partecipare a pensione completa oppure come saccopelista.

Ogni anno la IEJ sceglie un tema per il festival su cui si tengono conferenze, tavole rotonde e lavori di gruppo Per quanto riguarda il programma non tematico e’ possibile scegliere i corsi piu’ vari quale ad esempio corsi di danza, giochi ecc. Vi sono anche corsi di italiano, di esperanto, livello base ed avanzato, ed eventualmente di altre lingue.

Il programma serale comprende concerti, spettacoli teatrali, serate internazionali, una passeggiata notturna e tante altre attivita’. Sono in funzione anche il bar, la discoteca e la sala da the.

Grazie agli enti locali, potremo farvi visitare le bellezze del circondario. E’ tradizione un'escursione di mezza giornata. Come si sa, niente e’ obbligatorio al festival: ciascuno decide come spendere il proprio tempo! :D

Iscriviti direttamente http://iej.esperanto.it/ijf/2007/index.php o scrivi a ijf.admin@esperanto.it per ulteriori informazioni.

Nicola Ruggiero
amministratore dello IJF
ijf.admin@esperanto.it

**********************

Prorogato al 15 marzo il concorso IIE-IEJ

Con il Patrocinio dell'Istituto Italiano di Esperanto.

LA I.E.J. (Itala Esperantista Junularo), volendo:
- incentivare la partecipazione di nuovi esperantisti a corsi ed esami;
- favorire la partecipazione di nuovi esperantisti ad un evento importante quale sara’ il FESTIVAL IJF2007 che si terra’ durante la settimana di Pasqua dal 5 al 10 aprile 2007, in LIGNANO SABBIADORO (UD).

HA DECISO
di offrire dei premi ad alcuni di coloro che parteciperanno con successo ai corsi di 1° Grado organizzati dall'I.I.E. o al corso via posta elettronica KIREK.

I REQUISITI per concorrere all'assegnazione dei premi sono:
- aver superato con successo l'esame di primo grado di Esperanto nel 2006 o nel 2007 (in alternativa, aver terminato con successo il corso via posta elettronica KIREK);
- aver comunicato alla IEJ entro il 15 marzo 2007, a mezzo posta (normale e/o elettronica), la propria intenzione di partecipare al concorso, indicando le proprie generalita’ e allegando prova dell'avvenuta certificazione;
- non aver vinto una passata edizione di questo concorso.
Per i corsisti KIREK, poiche’ il portare a termine con successo il KIREK non e’ di per se’ equiparabile al conseguimento del diploma di primo grado durante un esame I.I.E., esiste un'ulteriore condizione per fruire dell'eventuale vincita:
- durante il festival IJF2007, partecipare ad uno dei corsi di Esperanto che verranno organizzati e, entro il termine del festival IJF2007, aver superato con successo l'esame di 1° grado. Se ci saranno richieste, l'Istituto Italiano di Esperanto organizzera’ durante il festival IJF2007 una Sessione Straordinaria di esami di primo grado per chi non avesse potuto partecipare ad una normale sessione in precedenza e per tutti coloro che intendessero affrontare la prova; informare preventivamente il D.G* entro il 15/03/2007.

I PREMI in palio sono:
1) per il primo classificato, rimborso della quota di iscrizione allo IJF2007 (tariffa standard prima fascia) e delle spese di viaggi;
2) per il secondo classificato, rimborso della quota di iscrizione allo IJF2007 (tariffa standard prima fascia);
3) per il terzo classificato, rimborso del 50% della quota di iscrizione allo IJF2007 (tariffa standard prima fascia).

L'ASSEGNAZIONE dei premi verra’ fatta dal Consiglio IEJ, con insindacabile giudizio, valutando anche l'impegno dimostrato durante le attivita’ organizzate dalla IEJ, nel primo consiglio successivo al 15 marzo 2007. I vincitori saranno informati personalmente e a mezzo stampa.

L'Istituto Italiano di Esperanto si impegna a dare la massima pubblicita’ all'iniziativa, portandola a conoscenza di tutte le Cattedre e invitando i propri Membri ad informarne gli allievi durante i corsi e gli esaminandi in occasione delle sessioni di esami di primo grado.

25 febbraio 2007.

Per l'I.I.E. Il Direttore Generale Carlo BOURLOT *


Per la IEJ, il Presidente Nicola RUGGIERO
< nicola.ruggiero@esperanto.it >

**********************

PROGRAMMA PROVVISORIO IJF 2007

Ecco il programma provvisorio che sara’ di volta in volta arricchito!
http://iej.esperanto.it/ijf/2007/prog.php

Tematico
al programma tematico contribuiranno tra i tanti:
* TEJO (TEJO oggi)
* Renato Corsetti (UEA tra presente e passato)
* Andrea Montagner (il movimento ARCI e l'esperanto)
* Davide Astori (la radici filosofiche del movimento esperantista)
* Michele Gazzola (economia linguistica e il rapporto Grin)
* Aleks Kadar (EDE, esperanto e politica)
* Carlo Bourlot (Sat oggi)
* Nicola Ruggiero (blog nella comunita’ esperantofona)
e altro ancora!

Non tematico
Corsi di lingua:
* Anna Loewenstein - Corso basilari di esperanto secondo il Cseh-motodo
* Irmina Szustak - Corso di polacco
* Davide Astori - Corso di arabo
* Davide Astori - Corso di italiano
* Gunter Neue - Corso di esperanto avanzato
* Mario Liva - Storia e lingua friulana

Conferenze:
* Daniele Binaghi - Viaggio intorno al mondo
* Roberto Tresoldi - Intrecci religiosi nel mondo d'oggi. Strumenti per una intercomprensione di pace o barriere sulla via all'effettiva integrazione?
* Giacomino Martinez - Storia dell'esperanto in Friuli
* Lucas Vignoli Reis - Cultura brasiliana
* Lucas Vignoli Reis - Cucina brasiliana
* Lucas Vignoli Reis - Ascolto di musica brasiliana

Gite:
* Udine - mezza giornata
* Trieste - giornata intera

Attivita’ ludiche:
* Massimo Ripani - Torneo di calcetto
* Massimo Ripani - Torneo di pallavolo
* Irmina Szustak - Gioco di ruolo con le carte
* Gunter Neue - Fare animaletti con le perline
* Maria Nuyanzina - Aligatorejo

Religione:
* Don Nello - Santa Messa

Serale:
* Teatro
* Concerti
* Serate italiane

**********************

IL FESTIVAL: SCAMBI GIOVANILI, CULTURA, TURISMO
Il Festival Internazionale Giovanile Esperantista, fin dalle proprie prime edizioni, ha avuto tre distinte vocazioni:
- fungere da punto d'incontro e scambio internazionale per i giovani;
- presentare un livello culturale di assoluta eccellenza;
- offrire anche occasioni di svago in senso piu’ "turistico" ai giovani stranieri.

Tutto cio’, ovviamente, sotto il segno dell'Esperanto, la lingua internazionale, la cui base ideale (La fratellanza di tutti gli esseri umani, il comune diritto di parlare una lingua che non penalizzi nessuno) ispira ogni realizzazione della nostra associazione e delle associazioni consorelle nelle altre nazioni.

Vediamo dunque in maggiore dettaglio i singoli aspetti della manifestazione.

1.Lo scambio internazionale giovanile
È noto che il viaggio e la conoscenza di popoli e Paesi differenti sono un momento essenziale nello sviluppo della psiche del giovane, sia per il profitto personale che il giovane ne trae (nuove amicizie e contatti, aiuto nello studio delle lingue e della storia dei Paesi stranieri), sia per il beneficio a lungo termine lucrato dalla societa’ stessa, derivato dal fatto che il conoscere a fondo gli altri popoli (E magari l'avere oltre confine delle amicizie) non puo’ che favorire la pace e la comprensione internazionale.
L'aspetto dello scambio giovanile e’ comunque quello che piu’ caratterizza ilFestival:
- i partecipanti, ben piu’ di cento, provengono da 10/15 diverse nazioni; cio’ assicura l'incontro fra culture, tradizioni ed opinioni estremamente differenti;
- molti partecipanti conoscono ed usano correntemente la lingua internazionale Esperanto; in questo modo, essi si trovano ad essere su un piano di parita’, e ciascuno ha pari pportunita’ di esprimersi ed essere compreso, indipendentemente dalla propria nazione di provenienza;
- ogni volta che sia possibile, il programma prevede momenti di interazione fra i giovani, quali gruppi di discussione o di lavoro, serate di conoscenza od altro, allo scopo di favorire la reciproca conoscenza.

2.La cultura
Assoluta eccellenza, abbiamo detto; ed infatti il primo obiettivo della Gioventu’ Esperantista Italiana e’ mantenere un livello culturale universitario, assicurandosi la partecipazione dei migliori conferenzieri, cercandoli la’ ove siano disponibili - in Italia od all'estero.
L'uso dell'Esperanto nelle conferenze non e’ accessorio, ma un punto centrale della nostra attivita’; grazie infatti all'applicazione della lingua internazionale, i costi di interpretariato sono ridotti a zero, e diventa veramente possibile seguire dalla viva voce dell'oratore qualsiasi intervento, anche se il conferenziere sia francese, russo o greco.

3.Il turismo
Dato che circa due terzi dei partecipanti sono stranieri, si presenta ogni anno una grande occasione per mostrare quanto di meglio l'Italia metta a disposizione.
L'aspetto turistico del Festival non e’ mai da trascurarsi, sia per offrire ai giovani partecipanti delle occasioni di svago, sia perche’ dare una "buona impressione" di una citta’ o di una regione ad un centinaio di giovani provenienti da tutta Europa, i quali ovviamente torneranno a casa soddisfatti, non puo’ che giovare all'immagine internazionale della regione ospitante.
I partecipanti ai Festival sono giovani, compresi per la maggior parte fra i 20 ed i 30 anni; circa un terzo sono italiani, i rimanenti provengono da Germania, Austria, Francia, Svizzera, Spagna, Olanda, Inghilterra, e da molte nazioni dell'Europa orientale quali Polonia, Repubbliche Ceca e Slovacca, Russia, Lituania, Ungheria, Bulgaria, ex Jugoslavia, ecc.

La Gioventù Esperantista Italiana, il cui scopo e’ organizzare scambi internazionali giovanili per mezzo della lingua Esperanto, fissa ogni anno una quota di partecipazione notevolmente inferiore ai costi sopportati, per facilitare la partecipazione dei giovani - soprattutto di quelli dell'Europa orientale.

Testo di Marco Bezzi - 1995
Adatatto e Rivisto da Francesco Amerio - 2003
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia