"Nova Sento in Rete" n. 550 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 550     2007-10-05
> Esperanto: istruzioni per l'uso: Scopo e origine dell'esperanto
> RAI International - Chiusura delle trasmissioni in lingue estere
> 13 e 20 Ottobre - Vercelli: il Gruppo Esperantista festeggia 50 anni
> 13 Ottobre - 7 Incontro Esperantista in Valtellina
> 12 Ottobre - Roma - Inizio nuovi corsi
> 16 Ottobre - Milano - Corsi di esperanto
> 18 Ottobre - Milano - Inizio corsi di esperanto presso l'ARCI
> 1-13 Ottobre - Firenze - Iscrizioni ai Corsi di Esperanto con il Comune
> Dauras la milito en Orienta Kongo kaj UEA helpas esperantistajn viktimojn
> Un museo amico dell'esperanto


  Contenuto
Esperanto: istruzioni per l'uso: Scopo e origine dell'esperanto

La base per l'Esperanto fu pubblicata nel 1887 dal Dott. Ludovico Lazzaro
Zamenhof (nato a Bialystok il 15 dicembre 1859; morto a Varsavia il 14
aprile 1917), un oculista polacco di origine ebrea.

L'idea di una lingua internazionale pianificata, intesa non come rimpiazzo
delle lingue etniche bens come lingua ausiliaria per tutti, non era una
novit.

Comunque, Zamenhof comprese il fatto cruciale che una lingua per
svilupparsi deve essere usata da una collettivit.

In accordo a ci l'abbozzo della sua proposta consisteva in:
- una grammatica minima (le famose 16 regole!);
- un vocabolario di 900 parole;
- alcuni esempi di testi in poesia e in prosa;
- un persuasivo saggio introduttivo.

Su questa duttile base l'Esperanto spicc il volo diventando una lingua
pienamente sviluppata con la sua comunit di parlanti sparsa su tutto il
globo.

Dal sito www.esperanto.it


RAI International - Chiusura delle trasmissioni in lingue estere

*********************************
Appello agli esperantisti del presidente FEI

Richiesta di mantenimento delle trasmisisoni in lingue estere incluso
lesperanto

A tutti gli esperantisti italiani

Per favore scrivete un messaggio ai seguenti indirizzi:

- On.le Sottosegretario Ricardo Franco Levi
- Direttore Piero Badaloni
- Potete scrivere anche al Governo, ma questo e
possibile solo andando alla pagina:
<http://www.palazzochigi.it/scrivia/scrivi_a_governo.asp>www.palazzochigi.it
/scrivia/scrivi_a_governo.asp

Bastano poche parole, che in modo garbato ma fermo esprimano meraviglia e
sconcerto per la decisione di chiudere le trasmisisoni in lingue estere,
che influisce negativamente sulla
conoscenza della cultura e della societ italiana all'estero, e si pone in
contraddizione con l'ampio respiro internazionalista che proprio questo
Governo intende dare alla politica italiana.

Aggiungete poi una riga sul fatto che le trasmissioni potrebbero almeno
essere riprese in rete con costi molto inferiori. NON E NECESSARIO
MENZIONARE LESPERANTO, che verra menzionato dagli esperantisti stranieri
e che, comunque,

Potete anche scrivere lettere tradizionali su carta, se per voi e piu
comodo. In questo caso ecco gli indirizzi:

On. le Sottosegretario Ricardo Franco Levi
Presidenza del Consiglio dei Ministri
Palazzo Chigi - Piazza Colonna 370
00187 Roma

On.le Vice Ministro
Franco Danieli
Ministero degli Affari Esteri
Piazzale della Farnesina 1
00194 Roma

Dott. Piero Badaloni
Direttore di RAI INTERNATIONAL
Largo Willy De Luca 5 - Saxa Rubra
00188 Roma

Parlatene ai membri del vostro gruppo che non leggono le liste in rete.

Grazie

Renato Corsetti (Korseti)
Via del Castello, 1
IT-00036 Palestrina, Italujo


*****************************

Lettera del Presidente FEI, Renato Corsetti, al Direttore della RAI.

Egregio Direttore,

nel silenzio più assoluto della grande stampa d'informazione l'Italia ha
annullato completamente la propria presenza informativa in lingue straniere
nel mondo non soltanto chiudendo, dal primo ottobre, le trasmissioni ad
onda corta, ma anche cancellando le lingue dal satellite e da internet.

La decisione presa dalla Rai e da Rai International alla luce della nuova
Convenzione con la presidenza del Consiglio dei Ministri era da tempo
nell'aria. Già da anni si parlava della possibile chiusura delle
trasmissioni in esperanto ed in altre lingue dell'est europeo. Ci eravamo
mobilitati per l'esperanto (L'Italia è stato uno dei primi paesi a
trasmettere in questa lingua internazionale), ma siamo rimasti sconcertati
nell'apprendere da fonti sindacali e da siti specializzarti la decisione
della cancellazione
totale delle lingue estere lasciando così il monopolio totale alla BBC, a
Radio France, alla Deutsche Welle,alla Voce dell'America, alla radio
Vaticana fino a radio Pechino, radio Mosca e Radio Cairo.

Innanzi tutto ci sarebbe da interrogarsi come mai tutti i grandi e molti
medi Paesi continuino ad avere ed anzi per alcuni aspetti potenzino la loro
presenza internazionale nelle lingue locali. Alcune ricerche dimostrano e
confermano come la presenza informativa e culturale avvantaggi l'immagine
di un Paese ed i suoi prodotti, permetta
di affiancare la politica estera e di cooperazione.

Personalmente, fino a pochi mesi fa sono stato Presidente della
Associazione Esperantista Mondiale, ho potuto trovare conferma di come
l'ascolto delle trasmissioni, nel nostro caso in esperanto, interessasse
gli associati di tutto il mondo e permettesse loro di avvicinarsi di più
all'Italia ed alla sua cultura, tanto che in occasione del Congresso
mondiale di esperanto a Firenze dello scorso anno, sotto l'alto patronato
del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ottenemmo un sostegno
anche del Ministero degli esteri per l'edizione in esperanto de I promessi
sposi.

Ma, al di là delle trasmissioni in Onda Corta (anche se da alcuni anni si
sta sperimentando il DRM- Digital radio mondiale, avviato a Parigi nel 1996
da Radio France, Deusche Welle, Voice of America e Thomcast), l'inserimento
della lingua sul sito internet di Rai International e la sua diffusione
via satellite aveva dato un ulteriore contributo all'attenzione del mondo
esperantista, i cui membri sono sparsi nel mondo, verso l'Italia.

Ora arriva la decisone di chiudere totalmente le trasmissioni in lingua e
non soltanto nell' "inutile" esperanto, ma anche quelle in altre lingue
locali (da quelle balcaniche a quelle dell'Europa orientale dove si è
scatenata la presenza della grandi radio internazionali : francesi,
inglesi, tedesche e statunitensi) . A questo punto l'interrogativo è quale
modello di politica estera porti a tale abbandono, mentre si parla di
maggiore presenza italiana nel Mediterraneo ma anche in aree più lontane.

Sarebbe interessante avere queste risposte come esperantisti, ma anche e
soprattutto come italiani.

Renato Corsetti
Presidente della Federazione Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38, 20143 Milano
tel. 39-0258100857,
www.esperanto.it
http://www.esperantoitalia.it


13 e 20 Ottobre - Vercelli: il Gruppo Esperantista festeggia 50 anni

13 Ottobre
INAUGURAZIONE MOSTRA: La lingua internazionale: strumento che favorisce la
pace.
Il Sindaco di Vercelli, il Presidente del Comitato per i Gemellaggi e
il Presidente del Gruppo Esperantista Vercellese Mario Sola
hanno il piacere di invitare la S.V. SABATO 13 OTTOBRE 2007 - ore 17
Salone Dugentesco - Via G. Ferraris - VERCELLI allinaugurazione della mostra
La lingua internazionale: strumento che favorisce la pace.

20 Ottobre
CINQUANTENNALE DEL GRUPPO ESPERANTISTA VERCELLESE MARIO SOLA
Il Gruppo Esperantista Vercellese, in occasione del Cinquantennale della
sua fondazione, presenta ai samideani ospiti in Vercelli Sabato 20
ottobre 2007, il seguente programma in margine alla manifestazione ufficiale.
PROGRAMMA
Ore 10.15 Visita guidata alla Basilica di SantAndrea
Ore 13.00 Pranzo presso il Ristorante di cucina tipica vercellese Vecchia
Brenta - Via Morosone, 6
Ore 15.30 Visita guidata alla Cattedrale di S. Eusebio e al Museo del
Tesoro del Duomo
Ore 17.00 S. Messa, prefestiva presso la Chiesa di San Bernardo, in memoria
degli esperantisti scomparsi
La prenotazione per il pranzo (costo euro 25) deve essere comunicata entro
il 15 ottobre al seguente numero: 339.4696402 (G. Reina),
mentre quella per leventuale pernottamento entro il 6 ottobre.
Si consigliano i seguenti Hotel:
- Modo Hotel*** Piazza Medaglie D'Oro, 21 - 0161 217300
- Garibaldi Hotel*** Via Thaon De Revel, 87 - 0161 301291
- Hotel Matteotti*** Corso Matteotti, 35 - 0161 211187

Per info:


13 Ottobre - 7 INCONTRO ESPERANTISTA IN VALTELLINA

Quest'anno il tradizionale incontro, organizzato dal Gruppo di Sondrio, si
svolger sabato 13 ottobre a Ponte in Valtellina, antico borgo a circa 500
metri s.m. vicino al capoluogo ed uno dei primi centri di cultura della
valle. Programma:
ore 10.00 Incontro dei partecipanti in piazza della Vittoria (parcheggio in
loco)
ed inizio della visita del Borgo storico con guida (vie acciottolate: si
consigliano scarpe comode ed antiscivolo)
ore 12.30-13 Pranzo conviviale con men tipico valtellinese (pizzocheri,
polenta taragna, sciatt, ecc. ecc. Vino locale.
Panoramica sul movimento esperantista: notizie, prossime iniziative, ecc
ore 15.00 Visita ad una antica cantina. Possibilit d'acquisto di prodotti
tipici valterllinesi.
ore 17.00 Chiusura del convegno
Quota di partecipazione: euro 27 tutto compreso.
Adesioni: devono pervenire entro mercoled 10 ottobre al Circolo
Esperantista Sondrio - via Caimi 38 - 23100 Sondrio. Oppure per telefono
ai s-ani Bracchi: 0342 213242


12 Ottobre - Roma - Incontri del Gruppo e inizio nuovi corsi

L'attivit ufficiale del Gruppo Esperantista Romano ricomincia.

Il primo incontro del gruppo avverr venerdi 5 ottobre alle 18.30
nei locali in via Santa Dorotea 23, 2 piano, a Trastevere.

Per quanto riguarda i corsi invece inizieranno venerd 12 ottobre con il
seguente orario:

1) Corso di 1 livello dalle 1700 alle 1800. Insegnante Giorgio Denti.
2) Corso di 2 livello dalle 1800 alle 1930. Insegnante Anna Lowenstein

La tassa di registrazione per i corsi di 30 euro.
Per gli iscritti al gruppo esperantista romano invece sar completamente
gratuito.

Il Presidente del gruppo di Roma
Giorgio Denti

giorgio.denti at esperanto.it


Milano, 16 Ottobre - Corsi di esperanto

Con inizio il 16 ottobre prossimo, ogni marted fino a maggio, presso la
sede del Circolo Esperantista Milanese
in via De Predis 9, angolo via Bramantino, si svolgeranno i seguenti corsi:
h. 18.00 - 19.30 Corso di 1 grado
h. 19.30 - 21.00 Corso di 2 grado
h. 21.00 - 22.30 Corso di 1grado
Quota di iscrizione: euro 50, libri di testo compresi.
Per informazioni od adesioni:

giovanni.daminelli at libero.it
ermigi at infinito.it


Milano - 18 Ottobre - Inizio corsi di esperanto presso l'ARCI

I corsi di esperanto riprenderanno il 18 ottobre alle 19. Per informazioni
e iscrizioni: info at arciesperanto.it
I corsi saranno presentati durante un aperitivo allArci Scighera
(www.scighera.org) il 4 ottobre alle 19. Essi avranno luogo in via Orti 17
a Milano (mm Crocetta).

Arciesperantoretletero n. 31


Corsi di Esperanto con il Comune di Firenze

Dal 1 al 13 ottobre sono aperte le iscrizioni ai corsi di Esperanto
organizzati nellambito del Laboratorio Linguistico del Comune di Firenze
Centro Culturale Villa Pozzolini viale Guidoni, 188 Tel 055/4378494
e-mail: lablingue at comune.fi.it.

- Stage di 10 ore gratuito
- Corso di 30 ore 90 Euro

I corsi avranno inizio nel mese di novembre.

Carlo Matteini
carlo.matteini at esperanto.it


Dauras la milito en Orienta Kongo kaj UEA helpas esperantistajn viktimojn

La interna milito en la orienta parto de la Demokrata Respubliko
Kongo dauras. En tiu regiono estas multaj esperantistoj kaj UEA
laùeble helpas la esperantistajn viktimojn el la Fondaj'o Espero. Vi
ankau povas helpi per donaco al la Fondaj'o Espero de UEA (kutimaj
pagmanieroj indikataj en la Jarlibro kun noteto "Por Fondaj'o Espero".

Mi kopias por vi leteron de sekretario de loka klubo apenaù alveninta.

Renato Corsetti

**********************

dato: Mon, 24 Sep 2007 10:22:56 +0200 (CEST)
de: Houston Ndarihoranye
temo: funebra tago
al: renato.corsetti at gmail.com

Pro la daura milito en niaj distriktoj MASISI kaj RUTSHURU ni,
"Solidareco Esp-Klubanoj" estas dislokigitaj en diversaj lokoj de la
suda regiono KIVU/DRKongo.

Aliaj estas en la urbo GOMA pro la milito, kiu estas inter la
militistaro de gen. L. NKUNDA kaj tiu de nia registaro en Kinshaso.
Nun ni loghas en tendaro de BITALE aliaj ests en tendaro de GOMA. Ni
ne forgesos anonci al vi, ke la edzino de nia prezidanto Houston jam
mortis la 2-an de septembro 2007 pro la vundo che la femurajho. Shi
estis pafita de rabistoj, kiam ili venis rabi lian domon.

De longa tempo shi estis en hospitalo sed finfine shi jhus mortis .
Houston ankau spertis akcidenton. Kiam li frapighis kontrau shtuparo
en sia domo la osto de lia kruro rompighis. Antau preskau unu
monato la kruro estis engipsoigata. Ni ne scias kiam li resanighos.
Liaj 2 gefiloj estas gastigataj de SEK-klubanoj. Preghu por li, char
li ege suferas pro la perdo de sia edzino. Dio konas siajn kialojn kaj celojn.

Kore via sekretaio

MUNGERI NDARIHORANYE EZECHIEL


UN MUSEO AMICO DELL'ESPERANTO

Il Museo Tattile Statale "Omero" di Ancona possiede un sito internet (pi
di un milione di contatti all'anno) al seguente indirzzo:
www.museoomero.it
Il sito, in italiano e in inglese, si presenta ora anche in versione
esperanto che comincia in questi giorni a rendersi disponibile.
Questo museo tattile, che consente ai ciechi ed agli ipovedenti di godere
delle meraviglie dell'arte (unico nel suo genere in Italia e nel mondo)
sede delle riunioni del Gruppo Esperantista Marchigiano e lo scorso anno ha
ospitato il seminario della FeI sulla comunicazione. Ha anche organizzato
ben due concerti del giovane pianista russo (esperantista anche lui) Andrei
Korobeinikov.
La cosa non stupisce se si ricorda che i fondatori del Museo "Omero" sono
Aldo e Daniela Grassini, ben noti al nostro Movimento, ed il Presidente
Roberto Farroni, anch'egli socio FEI.
Ora il Museo "Omero" ha ricevuto un importantissimo riconoscimento: stato
inserito tra i sette progetti culturali italiani che saranno finanziati
grazie a MaratonArte, la maratona televisiva che nei tre canali della RAI,
sulla falsariga di Telethon, chiederanno un sostegno ai telespettatori il
5, 6 e 7 ottobre.
Gli esperantisti e i loro amici possono dare una mano al Museo amico degli
esperantisti! Ricordatevene quando sceglierete il destinatario del vostro
contributo.

Aldo Grassini
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia