"Nova Sento in Rete" n. 569 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 569     2008-02-02
> Esperanto: istruzioni per l'uso - Domande frequenti sull'esperanto
> Bando Concorso IEJ - IIE anno 2008
> 4 febbraio - Roma - Spettacolo teatrale "Doktoro Esperanto"
> 7 febbraio - Pesaro - Il Presidente FEI ad una conferenza
> Aprilo 2008 - Napoli - Seminario "2008 Internacia Jaro de Lingvoj"
> Aprile 2008 - Torino - Mostra "ESPERANTO: LINGUA INTERCULTURALE"
> Julio 2008 - IJK en Hungario!
> San Giorgio del Sannio (BN) e dintorni: Esperantisti cercasi per creare gruppo
> Skoltoj: Skoltestrino el Pollando sercxas italajn geskoltojn
> Giancarlo e le bolle
> NOBEL PACE: TRA I CANDIDATI BARROSO, KOHL E L'ESPERANTO


  Contenuto
Esperanto: istruzioni per l'uso - Domande frequenti sull'esperanto

*************
Tutto quello che avresti voluto sapere sull'esperanto e non hai mai osato
chiedere è ora in rete, all'indirizzo http://iej.esperanto.it/faq/

Dalle risposte pronte alla raccolta di indirizzi, tutto quello che si può
spiegare viene spiegato; e se manca qualcosa, poni una nuova domanda, e lascia
che sia la comunità dei lettori a risponderti. Oppure metti tu la risposta ad
un quesito aperto.

Un grazie al responsabile del servizio, Manuel Giorgini
, al quale potete far riferimento in caso di
dubbi o richieste.

**************
Quando nato l'esperanto?
L'esperanto nato alla fine del XIX secolo. L. L. Zamenhof pubblic la
prima grammatica nel 1887 nella speranza di contribuire a migliorare la
comunicazione fra i popoli.

Che tipo di lingua ?
L'esperanto una lingua semplice e razionale nella grammatica: tutti i
verbi si coniugano allo stesso modo; da un insieme ristretto di elementi
base si possono derivare moltissime parole composte; ecc. Il vocabolario
deriva per la maggior parte dalle lingue neolatine.

Dove si parla l'esperanto?
L'esperanto usato in tutto il mondo; la zona con la maggiore densit di
esperantisti probabilmente l'Europa centrale.

Quante persone lo parlano?
Secondo una fonte molto autorevole, l'Enciclopedia Britannica, circa otto
milioni di persone. Stime pi prudenti parlano di centinaia di migliaia. La
risposta che si trova pi spesso intermedia: circa tre milioni di persone.

Ma non una lingua solo europea?
una lingua mondiale, e in questi anni i posti dove cresce di pi sono
l'Africa e l'Estremo Oriente. vero che l'alfabeto e il lessico sono un
ostacolo per i non occidentali (non pi che con l'italiano o l'inglese,
ovviamente); in compenso la struttura della lingua (basata sul costruire le
parole a partire da elementi invariabili) la rende molto pi simile ad
alcune lingue extraeuropee che alla nostra.

Gli esperantisti sperano di abolire le lingue nazionali?
Fin dalla sua nascita l'Esperanto usato e proposto come seconda lingua
per i rapporti internazionali, parallelamente alle lingue nazionali.

Non basta imparare le lingua straniere?
La molteplicit delle lingue una grande ricchezza dell'umanit, e lo
studio delle lingue straniere importantissimo. Per quante persone sono
in grado di imparare tutte lingue che potrebbero servire? Nella sola Unione
Europea ci sono 23 lingue ufficiali (e presto ben di pi). E anche ammesso
di riuscirci, ci vorrebbe un enorme dispendio di fatica, tempo e denaro.

Allora scegliamone una sola (l'inglese)
Naturalmente non abbiamo niente contro lo studio della lingua inglese, e
apprezziamo tutte le opportunit per comunicare che essa d; per imparare
a fondo anche una sola lingua straniera un investimento che non tutti si
possono permettere;
privilegiare una sola lingua nazionale sulle altre un atto discriminatorio;
l'uso internazionale di una lingua nazionale (e quindi difficile) mette in
pericolo la sopravvivenza delle lingue pi deboli.
L'esperanto, essendo relativamente facile e neutrale, non ha questi tre
svantaggi; perci lo parliamo, senza per questo rinunciare all'uso delle
altre lingue. Anzi, come abbiamo gi detto, l'esperanto facilita
l'apprendimento delle lingue straniere, inglese compreso.

L'esperanto una lingua artificiale / fredda / ...
Basta ascoltare una conversazione in esperanto per rendersi conto che una
lingua come tutte le altre, per niente fredda o meccanica. Fra l'altro ai
nostri incontri spesso nascono flirt e amori internazionali, ed esistono
famiglie che comunicano prevalentemente in esperanto. E di conseguenza ci
sono persone che parlano l'esperanto dalla nascita: provate a dirlo a loro
che una lingua artificiale!

Ma se non ce l'avete fatta in cent'anni...
Non necessario essere uno specialista per sapere che cent'anni sono un
tempo molto breve per una lingua. Comunque quasi tutti gli esperantisti
contesterebbero la frase "non ce l'avete fatta": l'esperanto esiste e chi
vuole pu usarlo per comunicare in modo facile, divertente ed immediato con
ragazzi e ragazze di tutto il mondo. Probabilmente questa la cosa pi
importante.


BANDO CONCORSO IEJ - IIE anno 2008

Con il Patrocinio dell'Istituto Italiano di Esperanto (IIE).

LA I.E.J. (Itala Esperantista Junularo-Gioventù Esperantista Italiana),

VOLENDO:
1) incentivare la partecipazione di nuovi giovani a corsi ed esami di
Esperanto;
2) favorire la partecipazione di nuovi giovani al Festival
Internazionale della Gioventù (IJF) dal 19 al 25 marzo 2008 a Senigallia
(AN).

HA DECISO
di istituire tre premi per altrettante persone che soddisfino i seguenti
requisiti:
- non aver superato il 30 anno di età nell'anno in corso;
- non aver vinto una passata edizione di questo concorso;
- aver superato l'esame di 1 Grado organizzato dall'I.I.E. oppure aver
portato a termine con successo il corso via posta elettronica KIREK;
- aver comunicato alla IEJ entro il 22 febbraio 2008, a mezzo di posta
cartacea e/o elettronica, la propria candidatura, indicando le proprie
generalit e allegando copia del diploma;
- per i diplomati KIREK si richiede inoltre di sostenere con successo
l'esame di 1 grando durante Il Festival. Se ci saranno richieste,
l'Istituto Italiano di Esperanto organizzerà durante il festival IJF
2008 un breve corso di perfezionamento ed una Sessione Straordinaria di
esami di primo grado per chi non avesse potuto partecipare ad una
normale sessione in precedenza e per tutti coloro che intendessero
affrontare la prova; informare preventivamente il D.G.* entro il 22/02/08.

I PREMI in palio sono:
1) Primo premio: vitto e alloggio in albergo e partecipazione al
programma gratuiti per tutto il periodo del Festival.
2) Secondo premio: vitto e alloggio in albergo e partecipazione al
programma scontati al 50% per tutto il periodo del Festival (tariffa
standard prima fascia).
3) Terzo premio: partecipazione gratuita al programma del festival con
sistemazione gratuita da saccopelista autonomo.

L'ASSEGNAZIONE dei premi verrà fatta sulla base di un insindacabile
giudizio del Consiglio direttivo della IEJ nella prima riunione successiva
al 22 febbraio 2008.

L'Istituto Italiano di Esperanto si impegna a dare la massima pubblicità
all'iniziativa, portandola a conoscenza di tutte le Cattedre e invitando
i propri Membri ad informarne gli allievi durante i corsi e gli
esaminandi in occasione delle sessioni di esami di primo grado.

Maggiori informazioni sul Festival nel sito ufficiale
http://iej.esperanto.it/ijf/2008/

14 gennaio 2008

Per la IEJ, il Presidente
Nicola RUGGIERO

< nicola.ruggiero at esperanto.it >


Per l'I.I.E. Il Direttore Generale
Carlo BOURLOT
< c.bourlot at libero.it >


4 febbraio 2008 - Roma - Spettacolo teatrale "Doktoro Esperanto"

Giornate del dialogo e della memoria
29 gennaio - 14 febbraio 2008

lunedì 4 febbraio 2008 - ore 20.00
Istituto Polacco di Roma, Via Vittoria Colonna, 1 - Roma

Doktoro ESPERANTO
spettacolo scritto e interpretato da Mario Migliucci

ingresso libero

regia Giancarlo Fares
liberamente tratto dal libro "Una voce per il mondo" di Vitaliano Lamberti.

Il Doktoro Esperanto è Ludwik Lejzer Zamenhof e questa è la sua storia.
La storia di un uomo che vuole dare al mondo una voce unica, una voce
umana. Come un laborioso artigiano, il Doktoro Esperanto, l'omino con gli
occhiali, fabbrica il suo strumento e lo offre a chiunque lo voglia
adoperare. Ma una lingua è uno strumento particolare, non si crea
dall'oggi al domani.

Ludwik Lejzer Zamenhof (1859 1917), medico e linguista polacco. È
universalmente noto per aver fondato le basi dell'esperanto, la più
conosciuta lingua ausiliaria internazionale. Il nome 'esperantò deriva da
uno dei suoi pseudonimi, Doktoro Esperanto.

Istituto Polacco di Roma
tel.: 06.36.000.723
fax: 06.36.000.721
segreteria at istitutopolacco.it
www.istitutopolacco.it


7 febbraio 2008 - Pesaro - Il Presidente FEI ad una conferenza

Iniziativa promossa dal Consiglio Provinciale di Pesaro e Urbino

Pesaro, gioved 7 febbraio 2008 ore 17,30
Sala del Consiglio Provinciale "W. Pierangeli"

L'ITALIANO: UNA LINGUA DA SALVARE?
Lo stato della nostra lingua come strumento di comunicazione non solo
familiare, ma anche scientifico e letterario, di fronte alla
globalizzazione

Interventi
Alberto Angelucci, giornalista, direttore Lo specchio della citt"
Comicit nell'uso improprio delle lingue straniere

Riccardo Gualdo, docente di linguistica Univ. di Firenze
L'uso dell'italiano nella scienza, nella pubblicit, nei mezzi
d'informazione, tra la gente: lo stato di sofferenza e le possibili
terapie

Renato Corsetti, Pres. Fed. Esperantista italiana e docente di
Psicolinguistica Univ. di Roma
La tutela delle lingue nazionali come tutela della propria cultura e
identit


Aprilo 2008 - Napoli - Seminario "2008 Internacia Jaro de Lingvoj"

SEMINARIO: 2008 Internacia Jaro de Lingvoj - cxu pliaj sxancoj por
Esperanto?

Napolo: 18/19/20 Aprilo 2008

Informoj cxe:

Nicolino ROSSI
nicolino.rossi at esperantanapolo.info
Komisiito de la Napola E-Grupo Harmonio kaj Progreso
Telefon-kontaktoj: hejme 081/7130806 - posxtelefono 333 8448711

http://www.esperantoitalia.it/renkontoj.htm


Aprile 2008 - Torino - Mostra "ESPERANTO: LINGUA INTERCULTURALE"
" 100 ANNI - UNIVERSALA ESPERANTO ASOCIO"

Si svolger dal 5 al 18 aprile 2008 presso il CENTRO INTERCULTURALE della
Citt di Torino, in C.so Taranto 160.

Sabato 5 aprile avr luogo la cerimonia inaugurale, seguita da alcuni
interventi per celebrare il centenario dell'UEA.
Si svolger inoltre la premiazione dei vincitori del Concorso Letterario
"Renato Pennazio".
In via di definizione il programma dettagliato.

La mostra si avvaler anche dei pannelli informativi della FEI


Julio 2008 - IJK en Hungario!

La plej granda junulara Esperanto-arangxo cxi jare denove okazos
en Hungario!

Laux la onidira famo hungariaj IJK-j apartenas al la plej bonetosaj
junularaj renkontigxoj. Multaj memoras ankoraux IJK-n en Debrecen en
1983, kiam la gxis nun plej fama Esperanta muzik-grupo Amplifiki igxis
furor-sukcesa, kaj tiun en Veszprm en 1999 kun la suneklipso (...kaj
la reviva koncerto de Amplifiki... :-)

La nuna IJK okazos en urbo Szombathely, proksima al la auxstria landlimo,
kaj por multoj certe estos imprese viziti la restajxojn de la iama
vere ekzistinta "fera kurteno"...

Por IJK oni antauxvidas plurcent partoprenantojn, ja la nombro
de aligxintoj jam nun superas 150! La unua aligxperiodo dauxras gxis
fino de januaro, do indas eluzi gxin.

Pliaj detaloj kaj kongresaj informoj haveblas cxe:
http://esperanto.net/ijk2008/

Bonvenon!

fonto: Ret-info:
http://www.eventoj.hu


San Giorgio del Sannio (BN) e dintorni: Esperantisti cercasi per creare gruppo

Vorrei contattare amici che abbiano frequentato il corso di esperanto e con
i quali creare un gruppo esperantista nella zona di San Giorgio del Sannio

Grazie

Idolo tedesco
San Giorgio del Sannio



Skoltestrino el Pollando sercxas italajn geskoltojn

Justyna Rusznica, skoltestrino el Vroclavo en Pollando, sercxas italajn
skoltajn
esperantistajn grupojn por kune organizi eventojn kaj renkontigxojn.

Sxi precipe proponas kunan partoprenon en SILESIA, Renkontigxo de Skoltoj el
Centrorienta Europo (www.silesia2008.zhp.pl), kiu okazos en Chorzów (suda
Pollando) inter la 1-a kaj la 10-a de augusto 2008; kaj en tenda kampumado kiu
okazos inter la 7-a kaj 9-a de marto 2008 en Kłodzko (sudokcidenta
Pollando).

Sed ankaux: renkontigxojn de skoltgrupoj dedicxitaj al Esperanto;
priesperantajn
programeroj dum tendaroj; kunan pretigadon de artikoloj en gazetoj kaj de
retpagxaroj; helpservon dum organizado kaj kontribuo al programoj de landaj
skolt-renkontigxoj; kungvidadon de programeroj pri skoltoj dum E-renkontigxoj;
korespondadon, kaj komunajn tendarojn.

Por pli da informoj, bonvolu kontakti sxin cxe junjo at wp.pl

Kaj nepre vizitu la pagxojn de SEL (Skolta Esperanto Ligo),
www.esperanto.org/skolta

Daniele Binaghi


Giancarlo e le bolle

Avevo ventanni, poco pi. Durante un seminario della IEJ Giancarlo
Sartorio ci enuncio la sua teoria delle bolle .

Gli esseri umani, ci racconto, sono come bolle che si sfiorano, senza mai
toccarsi davvero.

In tutti gli ambiti, continuo, dobbiamo provare ad aprire la nostra bolla
per poter comunicare con gli altri, per essere noi i primi a rompere quel
muro di diffidenza e superficialit che caratterizza i nostri rapporti
quotidiani con i nostri simili.

A scuola, sul lavoro, a casa, nei nostri condomini, bastano un saluto, un
sorriso o un gesto cortese per entrare in sintonia con gli altri.

Ora la bolla di Giancarlo non pulsa piu.

Ricordo ancora quella giornata come una delle tappe cruciali della mia
crescita umana.

Penso che il modo migliore per ricordarlo sia trasmettere a chi mi legge
quello che un uomo in gamba mi ha insegnato.

Se solo qualche bolla in piu si schiudesse, il suo ricordo rimarrebbe piu
a lungo.

Francesco Amerio


NOBEL PACE: TRA I CANDIDATI BARROSO, KOHL E L'ESPERANTO

http://www.agi.it/ultime-notizie-page/200801311428-cro-rom1108-art.html

(AGI/AFP) - Oslo, 31 gen. - Il presidente della Commissione europea, il
portoghese Josè Manuel Durao Barroso, il presidente algerino Abdelaziz
Bouteflika, l'ex cancelliere e padre della riunificazione della Germania,
Helmut Kohl, e anche la lingua 'Esperantò figurano tra le candidature al
premio Nobel per la Pace 2008, che sarà assegnato in ottobre. La
presentazione delle candidature scadrà domani. "Quest'anno la competizione
si presenta molto aperta", ha affermato il presidente dell'Istituto di
Ricerca per la Pace (Prio), Stein Toennesson, "Questo dovrebbe dare al
comitato Nobel un'occasione in più per onorare candidati poco noti che
combattono per i diritti umani o la pace in senso stretto del termine". Il
Comitato Nobel ha sempre tenuto a sottolineare che non si lascia
influenzare da campagne di stampa che, anzi, possono addirittura essere
controproducenti. Il nome di Barroso è stato avanzato dal presidente di
Timor Est e a sua volta premio Nobel, Josè Ramos-Horta; quello di Kohl da
un altro premiato, l'ex leader sovietico Mikhail Gorbaciov; Bouteflika da
un'iniziativa dei parlamentari algerini, mentre due politici svizzeri hanno
proposto l'Esperanto, elaborato nel 1887 come strumento di comunicazione
internazionale, perché lingua di pace e di speranza. (AGI)
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia