"Nova Sento in Rete" n. 594 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 594     2008-07-30
> Esperanto: istruzioni per l'uso - le attivit del movimento esperantista
> Grosseto, 22-28 Agosto - 100 Ragioni per andare al Congresso
> Rimini: 30 agosto / 6 settembre - 61 Congresso Internazionale dell'IKUE
> Firenze - 14 novembre - Giornata di studio
> L'esperanto su "La prima Telestreet di Bari"
> Curiosit dal corso Kirek
> Discussione di una tesi di Interlinguistica
> Benvenuto a Francesco Di Serio
> Nuovo video di Gianfranco Molle


  Contenuto
Esperanto: istruzioni per l'uso
LE ATTIVITÀ DEL MOVIMENTO ESPERANTISTA

Il movimento esperantista rappresentato a livello mondiale dalla
Associazione Esperantista Universale, con sede a Rotterdam,
membro consultivo dell'UNESCO.
Esistono poi le associazioni nazionali (In Italia la Federazione
Esperantista Italiana, con sede a Milano) e, nelle citt, i gruppi
locali. Affiancano questa struttura le associazioni di categoria,
che accolgono quegli esperantisti che abbiano specifici interessi:
gli scrittori, i ferrovieri, i ciechi, gli scacchisti, gli appassionati di
computer, i vegetariani, i cattolici, i comunisti, i commentatori
della Bibbia, i filosofi, i fan della musica rock, i federalisti europei,
i ciclisti ed altri ancora possono contare su organizzazioni gi
esistenti ed attive in tutto il mondo. In Italia particolarmente attiva
è l'Esperanto Radikala Asocio, che propugna la diffusione della
lingua a livello politico.
L'Esperanto una lingua, e pu essere usato per parlare o
scrivere di qualsiasi argomento, di qualsiasi passione;
l'Esperanto al di l della politica, della religione, di ogni ideologia.

Gli esperantisti si incontrano nei congressi internazionali. Ogni
anno si tengono un congresso mondiale degli adulti ed uno giovanile,
di volta in volta in una citt diversa (In questi ultimi anni: Vienna, Cuba,
Brighton, Pechino...).
Chi ama viaggiare, pu seguire gli appuntamenti esperantisti in giro per il
mondo.

Degna di nota poi l'attivit editoriale esperantista, che si divide in
due campi: le traduzioni e le opere originali. Per quanto riguarda le
traduzioni, si possono trovare in Esperanto non solo tutte le opere
fondamentali della cultura mondiale, dalla Bibbia al Corano, dalla
Divina Commedia al Kalevala, da Shakespeare a Goethe, ma
anche moltissime opere di prosa o poesia scritte da autori famosi
nella propria nazione, ma non all'estero; abbiamo cos i Dante ed i
Manzoni della Polonia, del Giappone, del Brasile, della Corea,
scritti di altissimo valore ma difficilmente trovabili in Italiano.

Per quanto riguarda le opere originali, esiste una vasta produzione
di saggi, di narrativa e di poesia; l'Esperanto ha i propri poemi epici,
i romanzi gialli, gli autori comici, i copioni teatrali. In Esperanto,
inoltre, si pubblicano costantemente decine di riviste settimanali
o mensili, alle quali possibile abbonarsi da tutto il mondo.

Per concludere, possiamo dire che, al giorno d'oggi, alcuni milioni
di persone parlano Esperanto, e fra loro numerosi ingegni di primo
piano. Gli esperantisti sono volontari: non hanno a disposizione
potere economico o politico. Hanno per tre grandi armi:
primo, l'Esperanto si impara in un quinto del tempo necessario per l'Inglese;
secondo, l'Esperanto si impara spendendo un centesimo
di quanto si spende per imparare un'altra lingua;
ed infine, con l'Esperanto si entra subito in una comunit internazionale
che offre infinite possibilit di studio, di viaggio, di divertimento.

Testo di Marco Bezzi - 1995
Adatatto e rivisto da Francesco Amerio - 2003


Grosseto, 22-28 Agosto - 100 Ragioni per andare al Congresso

Perch andare a Grosseto in agosto? 100 sono le possibili ragioni e
proviamo ad elencarne alcune: Grosseto in Maremma e la Maremma
stupenda; vicino a Grosseto c' il mare e il mare ad agosto bello caldo,
invitante; di Grosseto ne ho fatto la mia seconda citt; nei dintorni di
Grosseto ci sono luoghi incantevoli; a Grosseto partecipiamo ogni anno con
uno stand a Festambiente; Grosseto la citt di Bianciardi ( e mi fermo
qui perch 100 ragione potrei davvero trovarvele), ma QUESTA ESTATE oltre
alle 100 ragioni che vi potrei trovare ce n' una in pi, dato che stiamo
organizzando il CONGRESSO ANNUALE DELLA FEI con il grande lavoro del
rinato "gruppo" locale.

Stiamo facendo di tutto per farvi passare una ottima settimana sia dal
punto di vista culturale che del turismo, ci sono le gite e i seminari per
ogni esigenze, si pu fare il corso, si possono sostenere gli esami
dell'IIE, ci sono diversi stranieri gi iscritti con i quali usare davvero
la lingua, dato che tra italiani forse un po' fuoriluogo parlare in
esperanto.

Per il LKK
Laura Brazzabeni
segretario generale FEI


http://italakongreso.esperantoitalia.it/


Rimini: 30 agosto / 6 settembre - 61 Congresso Internazionale dell'IKUE

A completamento di tutte le informazioni sul congresso degli esperantisti
cattolici, pubblicate nell'apposita rubrica " Incontri esperantisti" sul
sito www.esperantoitalia.it Don Duilio Magnani ha fatto pervenire anche
le seguenti:

Dal 23 al 29 AGOSTO 2008:
MOSTRA FOTOGRAFICA nella Sala degli Archi ( Piazza Cavour) in coincidenza
con il "Meeting per l'amicizia fra i popoli". È organizzata dl CER-ES e
da VOLONTARIMINI in collaborazione con le Associazioni di Volontariato
della Provincia. Piazza Cavour sar addobbata con oltre una sessantina di
bandiere (m. 1x, m. 1,20) degli Stati-membro dell'Unione Europea e di altri
Stati, compresa la bandiera del popolo esperantista.

SABATO 30 agosto , ore 21,00: Processione con fiaccolata dalla
"E-katedralo" (Viale Carlo Zavagli 73-RN) alla piazza sopraelevata della
DARSENA (Via Lucio Lando) con la statua di Papa Giovanni Paolo II "Il
grande Comunicatore", sostenitore e amico dell'Esperanto. Saluto delle
autorit e accensione della "FIACCOLA COMMEMORATIVA" in ricordo della
visita di papa Wojtyla ai cittadini ed ai turisti di Rimini il 29.08.1982
- Essa rimarr accesa fino alla sera seguente. Canti religiosi e
folcloristici dei gruppi di stranieri a Rimini.

DOMENICA 31 agosto:
Ore 09,00: Messa in Esperanto nella "E-katedralo" presiduta dal Vescovo di
Rimini, S.E. Mons. Francesco LAMBIASI
Ore 10,30 : Apertura della Mostra Fotografica sul Centenario
dell'Esperanto a Rimini che da Piazza Cavour sar trasportata nella Cripta
della Parrocchia San Giuseppe al Porto (via Carmagnola 1- Rimini) e
inaugurazione del 61-mo Congresso dell'IKUE.
Ore 21,15 : sulla piazza sopraelevata della DARSENA, davanti alla statua
di papa Wojtyla, serata musicale " Oltre le barriere - Dlà dal sbare -
Trans la baroj" - Benvenuto ai Congressisti e saluti dei rappresentanti
dell'IKUE dalle diverse nazioni - Canto finale e danza di "Romagna mia" in
tre lingue (Italiano, romagnolo e esperanto).

Ermigi Rodari


Firenze - 14 novembre 2008 - Giornata di studio

2008: Anno Internazionale delle Lingue Diritti Umani e Diritti Linguistici.

Saranno trattati tutti i temi di politica linguistica e culturale connessi
con il tema generale della giornata di studio, ad esempio:

- difesa di tutte le lingue e di tutte le culture secondo gli appelli
dell'Unesco;
- ecologia delle lingue e delle culture: c' e cos'?
- comunicazione internazionale: da uno a molti o da molti a molti?
- la lingua italiana e la cultura in lingua italiana: proprio
ineluttabile il loro suicidio?
- uso dell'inglese negli Istituti di Istruzione Superiore in Italia: a
vantaggio di chi?
- insegnamento delle lingue straniere in Europa ed in particolare in Italia;
- ruolo della lingua italiana all'estero;

Organizzata dalla Federazione Esperantista Italiana a Firenze, Palazzo
Vecchio, Salone dei Duecento, venerd 14 novembre 2008.


L'esperanto su "La prima Telestreet di Bari"

http://www.telestreetbari.it/index.php?option=com_content&task=view&id=547&I
temid=15


Curiosit dal corso Kirek

Alcuni dati (ovviamente, non sensibili) delle iscrizioni al corso Kirek
permettono di farsi un'idea sulle modalit con cui la gente si interessa
all'Esperanto tanto da volerlo imparare.

Analizzando le informazioni fornite da 134 corsisti (104 diplomati, 10
arrivati alla lezione 9, 8 alla lezione 8 e 12 alla lezione 7), si evince
quanto segue:
- 28 sono stati "istigati" da un insegnante (Antonio de Cristofaro), che a
mio parere andrebbe encomiato solennemente;
- 18 sono arrivati al Kirek tramite ricerche su internet (principalmente su
siti esperantisti, come Esperanto.it, lernu.net, esperanto.net,
lnx.internacialingvo.org; ma anche da motori di ricerca come Google,
Diogene e Virgilio, da pagine di Wikipedia - i cui contenuti andrebbero
migliorati), da siti vari come miniportale.it, syllabos.com e xenteam.it/eo
e, davvero curiosamente, dal sito del corso concorrente kurso.com.br;
infine, da siti di esperantisti come quello di Marino Curnis - ultimamente,
iscrizioni sono arrivate anche grazie al fumetto di Rat-Man tradotto in
Esperanto);
- 14 sono stati consigliati da amici;
- 8 hanno avuto notizia dell'Esperanto durante corsi universitari
(interlinguistica, glottologia, lingue);
- 11 ne hanno sentito parlare in articoli su giornali e riviste (Venerd di
Repubblica, Guardian, Focus, informatica, teosofia, "Topolino");
- 6 hanno trovato riferimenti in libri (Le lingue inventate, La ricerca
della lingua perfetta, Manuale Giovani Marmotte, Isabel Allende, libri
scolastici);
- 5 sono tornati dopo aver provato il vecchio corso Kirek;
- 4 hannno ascoltato trasmissioni durante trasmissioni radio (Radio
radicale, Caterpillar - radio 2, radio svizzera);
- 4 ne hanno sentito parlare da persone varie (Marino Curnis, nonna, padre,
signore incontrato sul bus);
- 4 ne hanno sentito parlare da un professore universitario;
- 3 sono stati "catechizzati" da gruppi o singoli esperantisti;
- 3 ne hanno sentito parlare durante programmi TV;
- 2 se ne sono interessati perch appassionati di lingue;
- 2 hanno trovato riferimenti in forum di discussione;
- 12, infine, hanno dato le seguenti giustificazioni per il loro interesse:
una canzone (di un videogame), una conferenza, una nota in un corso di
inglese ("English" della De Agostini BBC), Don Duilio, i radicali dell'ERA,
un colloquio di lavoro, la macrobiotica, una manifestazione per la pace,
uno stand fieristico, scritte sui muri, un seminario, un volantino.
(7 non hanno voluto o potuto specificare alcunch)

Sono preponderanti i contatti ottenuti tramite le istituzioni scolastiche:
professori, corsi, testi di studio hanno avvicinato al Kirek pi persone di
qualunque altro metodo; e, a quanto pare, hanno anche garantito risultati,
viste le percentuali di utenti che hanno terminato il corso (o ci sono
arrivati vicini). Per contro, gli articoli su riviste o le trasmissioni in
TV e radio non sembrano apportare grandi risultati, o forse forniscono solo
curiosi "di passaggio" che poi non desiderano impegnarsi fino in fondo.
Paiono pi efficaci i contatti individuali, dove il rapporto con la persona
presentatrice motiva forse di pi l'interessato.

E, mentre stupisce che scritte sui muri, canzoni e persino corsi di lingua
inglese siano anch'essi veicoli per trovare nuove leve (proposta: si lanci
un concorso tra i graffitari italiani, con pubblicazione in rete delle loro
opere migliori a tema "esperanto"), fa un po' tristezza il risultato
ottenuto dai volantini esperantisti, che pure con grande energia
distribuiamo durante tutte le occasioni possibili: solo 1 persona ha
ammesso che quello stato il "gancio" giusto...

daniele binaghi
______________________
http://www.pecorElettriche.it


Discussione di una tesi di Interlinguistica

Luned 14 luglio 2008 presso la Facolt di Lettere e Filosofia
dell'Universit di Torino si laureata in Lettere Moderne a pieni voti e
con la lode (110 e lode) la Sig.na Giulia Gagliardi, torinese. La candidata
ha presentato una tesi di 554 pagine in due volumi, intitolata "Giuseppe
Peano e il Latino Sine Flexione. Un matematico alla ricerca di una lingua
per la comunicazione internazionale".

La tesi stata discussa da una commissione di sette membri avendo come
relatore il Prof. Fabrizio A. Pennacchietti, docente affidatario di
Interlinguistica ed Esperantologia dal 1994, e come correlatori il Prof.
Enrico Pasini, del Dipartimento di Filosofia ed esperto di Peano, e la
prof. Clara Silvia Roero, della Facolt di Scienze Matematiche Fisiche e
Naturali, storica della Matematica.

La tesi si articola in cinque capitoli, di cui i primi quattro sono
contenuti nel primo volume: 1) La vita e la personalit di Giuseppe Peano
(1858-1932); 2) Peano e la didattica; 3) La logica di Peano; 4)
Interlingua e Latino sine flexione: Peano interlinguista.

Il secondo volume dedicato al quinto capitolo: Il "Fondo Mario Gliozzi".
Si tratta della dettagliata descrizione bibliografica del materiale
contenuto in un fondo non ancora catalogato, conservato presso la
Biblioteca del Dipartimento di Matematica dell'Universit di Torino: la
biblioteca speciale Giuseppe Peano (www.dm.unito.it/biblioteca/storia.pdf).
Tale materiale consiste in libri e vocabolari di lingue pianificate (pp.
234-249), di periodici nelle stesse lingue (pp. 250-323) e di
corrispondenza, manoscritti, dattiloscritti e materiale vario (pp.
324-363). Esso documenta gli intensi scambi culturali e i rapporti di
amicizia che Peano intrattenne con interlinguisti, cultori dell'Esperanto,
dell'Ido e di altre lingue pianificate, provenienti da tutto il mondo.

Seguono nel secondo volume della tesi sei appendici (la curva di Peano; i
cinque assiomi di Peano; la scrittura ideografica di Peano; l'Interlingua
di Peano sul web; alcuni testi in Latino sine flexione; notizie
bio-bibliografiche sui corrispondenti di Peano), un'appendice delle figure
relative alla curva di Peano, la bibliografia e una sitografia.

Data la mole e la qualit del lavoro svolto, la Dott.ssa Gagliardi stata
invitata a intervenire con il contributo "Giuseppe Peano sulla scena
internazionale dell'interlinguistica: un archivio ritrovato, il Fondo
Gliozzi" al congresso internazionale su Giuseppe Peano che si terr, in
occasione del centenario dalla pubblicazione del suo Formulario
Mathematico, da gioved 2 a marted 7 ottobre 2008 a Torino, presso
l'Accademia delle Scienze e l'Archivio di Stato, e a Cuneo, presso il
Centro di Documentazione Territoriale. Nel pomeriggio di marted 7 ottobre,
nella seduta dedicata all'interlinguistica presso l'Archivio di Stato di
Torino, parleranno oltre alla Dott.ssa Gagliardi, il Dott. Federico Gobbo
(Universit di Varese: "Pianificare il lessico scientifico internazionale:
Peano e Wster a confronto"), Carlo Minnaja e Laura Gilda Paccagnella
(Universit di Padova: "La scuola di Peano nella visione critica di Bruno
Migliorini") e Mario Quaranta (Padova), "Ludovico Geymonat e il silenzio di
Giuseppe Peano").

Prof. Fabrizio Pennacchietti
Universit di Torino


Benvenuto a Francesco Di Serio

Il 17 luglio è nato Francesco Di Serio, secondo figlio di Paola
Ambrosetto e di Arcangelo Di Serio.
Auguronissimi!

Carlo Sarandrea


Nuovo video di Gianfranco Molle

Lo so che in questo momento questa lista dormiente, vuoi per il fatto che
in corso l'UK, vuoi che il caldo incombe ed meglio mettersi al fresco o
riposarsi, ma vorrei contribuire a questo momento di relax con una cosa
spero piacevole. Ho appena terminato un video (pi che altro una galleria
di immagini in movimento) a descrizione del CD che ho fatto l'anno scorso
con l'Edistudio con le canzoni di Fabrizio De Andr tradotte in esperanto.
Le foto sono state scelte (scattate parte da me, altre messe a disposizione
da amici fotografi o prese da internet) per rivelare cosa ci vedo io nei
racconti di quelle canzoni, collegandole a fatti reali pi attinenti alla
realt dei nostri giorni. Un esempio su tutti le foto delle madri di plaza
de mayo a spiegare le parole di "Shpinu la lanon" dove la contessa fila la
lana nell'attesa dolorosa del ritorno del suo amato dalla guerra.

Spero che vi piaccia.

il video all'indirizzo http://www.youtube.com/watch?v=p0Ke29Qj928

Gianfranco Molle
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia