"Nova Sento in Rete" n. 649 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 649     2009-08-27
> Esperanto: istruzioni per l'uso - Com'è fatto l'Esperanto ?
> 28 Agosto - Cassino - Congresso di Esperanto: ce n’è per tutti
> Risoluzione del 65° Congresso Giovanile Internazionale della TEJO 2009 a Liberec
> Torino - Concorso Letterario “Renato Pennazio”
> Il libro di un giovane scrittore esperantista
> Oktobro 2009 - Herzberg/Harz - Esperanto-urbo invitas filatelistojn kaj E-kolektantojn
> Poznan - Pollando - Instruista Trejnado: Stipendioj anoncitaj!


  Contenuto
Esperanto: istruzioni per l'uso - Com'è fatto l'Esperanto ?

Ortografia, fonetica, grammatica e sintassi dell'Esperanto
(il quale nasce dalla comparazione tra un certo numero di lingue
internazionalmente più diffuse) si basano su principi di semplicità
e regolarità: ad ogni suono corrisponde una sola lettera e ad
ogni lettera un solo suono; non esistono consonanti doppie; non
esiste differenza tra vocali aperte e chiuse; l'accento cade
sempre sulla penultima sillaba; le regole grammaticali sono appena
16 (sedici) senza eccezioni; vi è una grande libertà di composizione
della frase, senza collocazioni obbligate delle varie parti del
discorso.

Il lessico dell'Esperanto, tratto anch'esso da una comparazione
selettiva, è continuamente arricchito da un utilizzo sempre più
diffuso, sia in Europa che in Paesi extraeuropei. Grazie ad un
razionale e facilmente memorizzabile sistema di radici, prefissi
e suffissi, ed in forza della generale possibilità di creare parole
composte che "descrivano" un determinato concetto, si raggiunge,
partendo da un numero abbastanza ridotto di radici, un tesoro
lessicale capace di esprimere anche le più sottili sfumature di
pensiero, in una forma comprensibile a popoli di diverse
tradizioni culturali.

Opere originali in Esperanto (sia letterarie che di saggistica)
vengono edite continuamente in ogni parte del mondo.

Imponente è il lavoro di traduzione in Esperanto di opere dei
generi più disparati: dalla Bibbia
http://www.esperanto.nu/upsala/biblio/index.html

al Corano,

dalla Divina Commedia
http://www.cilea.it/~bottoni/eo/dk/c01_1.htm

ai Promessi Sposi,

da Pinocchio
http://digilander.libero.it/nicolaruggiero/pinokjo/

alla Vita Nova.

Le più importanti biblioteche di opere in lingua Esperanto
si trovano a Vienna (sezione della Biblioteca Nazionale),
Rotterdam, Londra, Budapest, La Chaux-de-Fonds; in Italia,
meritano una speciale menzione la Biblioteca Nazionale di
Esperanto (comprendente anche una sezione archivistica),
annessa all'Archivio di Stato di Massa
http://domino.comune.massa.ms.it/sitoweb%5Csitoweb.nsf/pages/home_esperanto

la Biblioteca della Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM) di
Milano
http://193.206.116.7/ALEPH/XB1EBU992CRI7HGU15KBKTQQ3HRJV3FK128T56K8XK8GRARL2
U-00209/start/esperanto

e la biblioteca per non vedenti "Regina Margherita" di Monza con testi
in
Braille
http://www.bibciechi.it/index.htm

Antonio de Salvo
Agosto 2005


28 Agosto - Cassino - Congresso di Esperanto: ce n’è per tutti

Partirà venerdí 28 agosto il 76° Congresso Italiano di Esperanto, che si
terrà a Cassino e durerà fino al 3 settembre. Partirà con l’“interkona
vespero”, serata di conoscenza e interconoscenze, tra i non meno di 120
partecipanti provenienti, oltre che dall’Italia, da varie nazioni europee
e
anche extraeuropee.

Si tratta un di evento di particolare importanza non solo per gli ambienti
esperantisti, ma anche per Cassino e dintorni. E da non molto è nato un
gruppo esperantista, la cui sede si trova a San Vittore del Lazio, ma che
abbraccia una vasta zona che comprende la Ciociaria, la Pentria e l’Alto
Casertano e che non a caso si chiama “Tri steloj”, tre stelle.

Sede principale del Congresso è la Scuola Media “Di Biasio”, Via Bellini,
1. La relazione di apertura, sabato 29, è affidata è al polacco Roman
Dobrzynski, un’autorità in fatto di linguistica, sul tema del Congresso
«Zamenhof e la globalizzazione giusta: attualità delle idee del padre
della
lingua internazionale esperanto».

Il programma, ampio e vario, prevede conferenze, presentazioni di libri,
conferenze su vari temi, come quelle sul dialetto tenute da Amerigo
Iannacone e Aldo Cervo (martedí, 1° settembre) e sulla storia di Cassino,
tenuta da Maurizio Zambardi (1° settembre). Ma non è trascurato l’aspetto
ricreativo, con gite a Montecassino e alla Reggia di Caserta, ma
soprattutto con spettacoli serali di vario genere, tutti aperti al
pubblico
non solo esperantista, come il concerto del cantante esperantista
Gianfranco (sabato 29); il film in “Doktoro Esperanto” (domenica 30);
concerto degli MBL, Musicisti del Basso Lazio (lunedí 31) e molto altro.
Le
serate sono aperte a tutti e non solo agli iscritti al Congresso e cosí
pure i corsi ­ gratuiti ­ di esperanto, per principianti e avanzato.
Domenica alle ore 10,30, ci sarà la messa in esperanto.

Il programma dettagliato e altre informazioni si possono trovare in
esperanto e in italiano su internet all’indirizzo
http://italakongreso.esperantoitalia.it/. Ma basta digitare la parola
“esperanto” per pervenire al sito delle Fei, Federazione Esperantista
Italiana, dove si trovano tutte le informazioni.

Federazione Esperantista Italiana
www.esperanto.it


Risoluzione del 65esimo Congresso Giovanile Internazionale della TEJO 2009
a Liberec
(Approvato dal comitato della TEJO il 24 luglio 2009)

Vent'anni dopo la caduta della Cortina di Ferro, le barriere tra gli
uomini
ancora non sono scomparse: sono caduti muri fisici ed ideologici, ma
restano e crescono altre barriere. Una mentalità nazionalegoistica,
nutrita
da vecchi sciovinismo e pregiudizi insieme alle barriere linguistiche
ostacolano la comprensione tra gli uomini oltre i confini linguistici,
nazionali ed etnici.

Nella città di Liberec (Repubblica Ceca) sono convenuti 300 giovani da 40
paesi in occasione del Congresso Giovanile Internazionale. 300 giovani
uomini e donne, delle più diverse nazionalità , religioni, lingue ed
opinioni politiche hanno discusso, in lingua internazionale esperanto, il
tema "Libertà 20 anni dopo la caduta della cortina di ferro"
nell'ambito
di tavole rotonde, conferenze e seminari.

Durante una settimana abbiamo festeggiato le nostre culture: locale ed
internazionale. Interazioni e scambi culturali ci hanno permesso di vivere
un arricchimento dei nostri orizzonti. Abbiamo anche sperimentato che
cultura ed identità sono caratteristiche umane, troppo importanti e
complesse per essere banalizzate ad un semplice sentimento di appartenenza
nazionale.

I partecipanti del Congresso Giovanile Internazionale hanno vissuto una
settimana piena di esperienze che hanno lasciato molto. In questa
settimana
abbiamo fatto nuove conoscenze, nuove amicizie, abbiamo dibattuto in
un'atmosfera multiculturale, egalitaria e senza alcun preoccupazione per
una cosiddetta artificialità della nostra lingua internazionale. I nostri
legami di amicizia, i nostri valori culturali, i nostri comuni sentimenti
sono infatti veri e vivi.

Vivendo una settimana come in un villaggio globale, i partecipanti hanno
comunicato in modo facile ed equo. Tavole rotonde e seminari sulla libertà
hanno evidenziato qualcosa su cui parlare e riflettere: noi concludiamo
che
la libertà ha molte facce ed aspetti. Libertà significa anche che ciascuno
ha il diritto di creare le sue proprie identità che rappresentano
l'individuo e non necessariamente un popolo od una nazione.

Il Comitato dell'Organizzazione Giovanile Esperantista Mondiale


Torino - Concorso Letterario “Renato Pennazio”

L’Esperanto Centro di Torino, a ricordo del socio Renato Pennazio,
organizza un secondo concorso letterario dal titolo:

“QUANTO UN VIAGGIO HA INFLUITO NELLA MIA VITA”

Regolamento del concorso:
- Il testo sarà una novella o un racconto breve che non dovrà
superare le 5 cartelle in lingua Esperanto (ogni cartella non dovrà
superare le 30 righe)
- Gli elaborati, in 3 copie, dovranno essere inviati entro il 28
FEBBRAIO 2010, in busta chiusa a : Rosanna Perottino ­ Via Alfano 1 ­
10154
Torino.
- I lavori dovranno essere inediti e firmati con uno pseudonimo.
In un’altra busta chiusa, dovranno essere indicati il nome, l’indirizzo,
il
numero di telefono, l’indirizzo di posta elettronica dell’autore.

E’ possibile inviare i testi anche per posta elettronica a: ZORION99 @
LIBERO.IT.

In questo caso la segreteria garantirà circa l’anonimato .

- La giuria sarà composta da 3 Esperantisti torinesi.
- Saranno premiati i migliori 3 autori, ed il premio consisterà
nell’iscrizione gratuita al prossimo Congresso Italiano di Esperanto,
oltre
alla pubblicazione dei racconti su canali Esperantisti.
- Per le produzioni letterarie selezionate e pubblicate non si
riconoscono diritti d’autore.
- Ai sensi della vigente legge i dati personali forniti saranno
trattati esclusivamente ai fini del presente concorso.


Il libro di un giovane scrittore esperantista

Esperanta Bluso è il titolo di una raccolta di racconti in esperanto con
traduzione in italiano, attraverso i quali Davide Zingone vuole cantare la
vita quotidiana stonata e dissonante di questo inizio di nuovo millennio,
fatta di individui insoddisfatti, incapaci di interagire con il mondo
circostante, spersonalizzati dalla velocità delle scoperte tecnologiche,
che aspirano a raggiungere un luogo lontano per lasciarsi alle spalle una
vita che non è andata come avrebbero sperato. La scelta di usare la lingua
internazionale esperanto per la stesura di questi racconti non è casuale:
le storie narrate potrebbero svolgersi in un qualunque posto del mondo
perchè non sono espressione di una società in particolare, ma sono la
cifra
di questa povera umanità che si è appena affacciata sul Terzo Millennio.

Il libro, in formato elettronico (e-book), consiste di 86 pagine e costa
10
Euro. Per maggiori informazioni e per acquistare il libro si può
consultare
il sito di Faligi Editore al seguente link:

http://www.faligi.eu/libro.php?id=22


Oktobro 2009 - Herzberg/Harz - Esperanto-urbo invitas filatelistojn kaj
E-kolektantojn

La organizajhoj ELF (Esperanto-Ligo Filatelista) kaj AREK (Amika Rondo de
E-Kolektantoj)
invitas al granda kolektanta semajnfino en Herzberg - la Esperanto-urbo
de la 2a - 4a de oktobro 2009.
Okazos ankau granda Esperanto-intershanghborso.
Tio estas eksterordinara Esperanto-kulturo kaj Esperanto-varbado.
Pli da detaloj che la fama kaj ege aktiva kolektanto Stanislaw Rynduch au
che ni.
Antau nelonge en Herzberg diris Hans Jankowski el Dortmund:
La Esperanto-kolektantoj modele disvastigis Esperanton en la mondo.
Pli bona reklamo (ekz. per eldonado per p.m. kun Esperanto-temoj) apenau
eblas.
Bv. peti detalajn informojn au bv. tuj alighi.
Amike salutas
Petro Zilvar Zsofia Korody kaj ICH-teamo

*******************************************
http://esperanto-urbo.de
Esperanto-instruado, biblioteko, muzeo je via servo:
Germana Esperanto-Centro/Interkultura Centro Herzberg
D-37412 Herzberg/Harz, la Esperanto-urbo
Grubenhagenstr. 6, Tel: +49/(0)5521-5983
http://www.herzberg.de
http://ic-herzberg.de
(kun fotoalbumo)


Poznan - Pollando - Instruista Trejnado: Stipendioj anoncitaj!

Post kvin tagoj, je augusto 31, alvenos la limdato por alighoj al la
unu-jara instruista kurso ofertata de la Universitato UAM en Poznan,
Pollando, kunlabore kun ILEI. La studjaro komencighos la 12-an de
septembro
per cheesta semajna kurso. Plenaj informoj pri la kurso sidas depost marto
en nia hejmpagho kun pliaj alvokoj dissenditaj en la
lastaj
semajnoj. Vizitu ankau la esperantlingvan hejmpaghon che UAM:
http://www.staff.amu.edu.pl/~interl/index.html

Pozitiva, sed ankorau kritika

La universitato ricevis tri alighojn (el DE, RU, SK) kun plia atendata el
Francio. Kvar pliaj personoj interesighas sed devas negoci laborejan
forpermeson (ES, HU). Jen ok, sed la kurso povos okazi nur kun minimume
dek
kursanoj. Por certi pri sukceso ni bezonas almenau kvar pliajn alighojn
ene
de la sekvaj kvin tagoj (induktu mem: trovendas 0,8 kursanoj chiutage!)

ILEI kaj UEA: kunlabore kaj fulmrapide!

Eksciinte mardvespere pri la situacio pere de prelego de reprezentanto de
UAM en Budapeshto, ILEI tuj formulis stipendian projekton. 23 horojn
poste,
ILEI (pli precize ghia Fondajho Szerdahelyi) kaj UEA konsentis kontribui
po
500 eurojn por sproni lastmomentajn alighojn. Ili faras tion char la
instruada trejnado figuras alte en la prioritatoj de ambau organizoj, kaj
plie por ne seniluziigi la personojn kiuj jam alighis kaj sopiras je tiu
trejnado.

La oferto ­ por rapida pripenso!

ILEI kaj UEA ofertos kvar stipendiojn je valoro de 250 euroj, por mildigi
la kursokostojn. Tio kovros proks. 80% de la kosto por B-landano kaj 35%
por A-landano. Restas al la kursano kovri la surlokajn kaj vojaghajn
kostojn por la du cheestaj sesioj en septembro kaj februaro.

Kondichoj kandidatighi estas plenskribi normalan kurs-alighilon (ghis la
limdato augusto 31!) kaj krome skribi duon- ghis unu-paghan kandidatigan
tekston kun tri eroj:

1) Motivoj por deziri partopreni la kurson
2) Biografieto pri ghisnunaj profesiaj kaj esperantistaj agadoj
3) Intencoj plenumi instruistan laboron kaj gvidi kursojn rezulte de la
partopreno.

Tiun tekston oni sendu rete al Ilona Koutny (kurs-direktoro)
, Stefan MacGill (ILEI)
kaj Claude Nourmont (UEA) ghis merkredo septembro 2. Tiuj
formos tripersonan grupon kiu prijughos la petojn kaj anoncos la rezultojn
en septembro 3.

Kaze de fizike skribita peto, sendu urghe (sed ne registrite!) al Stefan
MacGill, Pannonia u 30.I.6, HU-1136 Budapest, Hungario. La stipendiaj
sumoj
estas pagotaj rekte al la universitato, kaj nur se la kurso efektive
komencighos.

Kandidatigo por stipendio estas malferma al chiu kiu plenumas la
enirkondichojn de la kurso, sed ni donos prioritaton al B-landanoj, tiuj
sub 35-jaraj, kaj tiuj kiuj plej konvinke skizas kiel ili planas instrui
Esperanton dum au post la kurso, pere de la lertoj tie akiritaj.

Sekvos pliaj informoj tra sekvaj tagoj pri la kurso, atingeblo de Poznan,
kaj la plej aktuala stato de nia kampanjo sukcesigi la kurson. Se vi konas
0,8 da persono (au ech plenan) kiu sopiras trejnighi pri instruado,
pludonu
rapide chi tiujn informojn.

Landaj asocioj kaj sekcioj ­ chu vi ne sopiras pli profesian instruadon en
via tereno? Chu vi ne povos fulmrapide proponi kandidatojn ­ eventuale
ofertante plian subtenon por mildigi ankau la vojaghkostojn?
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia