"Nova Sento in Rete" n. 656 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 656     2009-10-17
> Esperanto: istruzioni per l'uso - Chi lo dice che l'esperanto è più facile?
> FEI - Contributi per le iniziative dei Gruppi
> Bologna, 17-25 ottobre 2009 - Festa della storia
> Nobelpremiito Obama akuzata pri esperantismo
> Presentazione del libro "La via Zamenhof" in italiano
> La filma oferto de UEA plivastigxis
> Le Monde Diplomatique en Esperanto, oktobro
> Raporto de Elisabetta Formaggio pri Jomo en Chiavari


  Contenuto
Esperanto: istruzioni per l'uso - Chi lo dice che l'esperanto è più
facile?

Lo dicono gli esperantisti per esperienza personale... Comunque ecco
alcuni
degli esperimenti scientifici compiuti:

1925 - 1931, Columbia University, New York, USA: 20 ore di esperanto danno
un risultato superiore a 100 ore di francese, tedesco, italiano o
spagnolo.

1947 - 1951, Sheffield, Gran Bretagna (dal 1948 anche a Manchester): un
bambino apprende in 6 mesi tanto esperanto quanto francese in 4 - 5 anni;
dopo alcuni mesi di esperanto si ottengono migliori risultati
nell'apprendimento delle altre lingue.

1958 - 1963, scuola media di Somero, Finlandia: sotto il controllo del
Ministero dell'Istruzione si è verificato che gli alunni, dopo un corso
di
esperanto, sapevano raggiungere un livello in tedesco superiore a quello
degli alunni che studiavano solo il tedesco, anche se più a lungo.

1962 - 1963, Università di Budapest, Ungheria: confronto fra esperanto,
russo, inglese e tedesco; l'apprendimento dell'esperanto risulta di gran
lunga più facile rispetto a tutte le altre lingue.

1983 - 1988, scuola elementare Rocca di San Salvatore (GE): gli alunni che
studiano prima esperanto e poi francese raggiungono un livello superiore
rispetto a quelli che studiano solo francese.

Dal febbraio 1975 il Professor Helmar Frank e l'Istituto di Pedagogia
Cibernetica dell'Università di Paderborn (Germania) hanno verificato
scientificamente Ìeffetto prepedeulico dell'insegnamento
dell'esperanto
nella scuola elementare come preparazione allo studio successivo
dell'Inglese da parte di alunni tedeschi. In anni successivi si
aggiungono
alla sperimeniazione altre classi in Germania, Francia, Italia, ed ex
Jugoslavia. In tutte le classi si constata un miglioramento delle capacità
di apprendimento dell'Inglese successivamente insegnato.

Nel settembre '93 in Italia, Russia, Ucraina, Uzbekistan e Kazakistan è
iniziato un esperimento detto "Insegnamento di Orientamento Linguistico"
sotto il controllo scientifico dell'Istituto di Cibernetica di Paderborn
(vedi paragrafo precedente) e dell'Accademia Internazionale delle Scienze
di San Marino. Nel 1994 si aggiungono classi sperimentali slovene,
austiache e ungheresi.
II metodo detto "di Paderborn", utilizzato in questa fase sperimentale,
sfrutta la semplicità, la regolarità, la mancanza di eccezioni e la
chiarezza proprie dell'esperanto per stimolare la comprensione delle
strutture delle altre lingue e, conseguentemente, per migliorare la
capacità e la predisposizione ad apprenderle.
Il risultato è che, paragonando la conoscenza dell'inglese in 2 classi
della stessa età che abbiano la prima studiato 2 anni di esperanto e 2
anni
di inglese e la seconda 4 anni di inglese, si constata che gli alunni
della
prima sanno l'inglese meglio di quelli cha lo hanno studiato 4 anni.

1993-1997, in Italia si sperimenta Ìesperanto "come lingua propedeutica
allo studio delle lingue straniere nella scuola elementare " nella Scuola
Gaetano Salvemini di Torino. Sono coinvolte tre classi. In seconda e
terza classe gli alunni imparano l'Esperanto di base e lo usano per
comunicare a livello internationale con altre scuole. In quarta e quinta
due classi passano una allo studio dell'Inglese e l'altra allo studio
del
francese.
Dall'anno scolastico 1994/95 questa sperimentazione è autorizzata dal
Ministero della Pubblica Istruzione.
La valutazione conferma l'efficacia propedeutica dell'insegnamento
dell'esperanto a bambini italiani per il migliore e più rapido
apprendimento successivo del francese e dell'inglese.


FEI - Contributi per le iniziative dei Gruppi

Anche se ancora in attesa che per il 2009 ci vengano assegnati i fondi del
5x1000, il Consiglio Nazionale della Federazione Esperantista Italiana ha
deciso di ripetere l'iniziativa di contribuire alla realizzazione da
parte
dei gruppi di iniziative informative rivolte al pubblico esterno, che ha
riscosso lo scorso anno un notevole successo.

Da parte sua la FEI provvederà:

- a produrre materiale informativo, vario ed aggiornato, che verrà reso
disponibile per l'informazione gratuitamente o a costi simbolici;

- a realizzare materiale adatto ad arredare i chioschi informativi
(striscioni, rotoli da esposizione, manifesti, ecc.) che verranno
organizzati in occasione di fiere, mostre o manifestazioni varie di
qualsiasi tipo;

- al finanziamento della stampa di opere ritenute necessarie alla
diffusione dell'esperanto.

Si è comunque ritenuto indispensabile destinare 5.000 euro, delle
risorse
attese, per finanziare le attività dei gruppi finalizzate ad informare
l'opinione pubblica sul problema di una lingua internazionale.

In sostanza, voi proponete alla FEI una attività informativa da fare
nella
vostra città secondo le modalità riportate nell'allegato
regolamento. La
FEI, constatata la congruenza dell'iniziativa alle finalità richieste,
provvederà al suo finanziamento secondo le modalità previste nel
regolamento.

In questo spirito la FEI suggerisce alcuni tipi di eventi auspicati:

- presenza a manifestazioni locali con un tavolo informativo,
volantinaggio, ecc.
- organizzazione di un evento culturale attinente all'esperanto, quali
uno
spettacolo teatrale o il concerto di gruppo musicale, purché diretti al
pubblico non esperantista.
- campagna di annunci su giornali cittadini o di affissione di manifesti
per informare su corsi di esperanto o su conferenze sull'esperanto o
altro
evento.
- conferenze su argomenti attinenti l'esperanto.
- altre iniziative congruenti con la vostra realtà locale purché
attinenti all'esperanto e rivolte al pubblico non esperantista.

La FEI è a disposizione per valutare i vostri progetti, che debbono
pervenire al più presto, per poter essere realizzati entro Settembre
2010.

Andrea Montagner
Consigliere incaricato per i rapporti con i gruppi locali

Federazione esperantista italiana Milano, ottobre 2009

***************

Regolamento

La Federazione Esperantista Italiana anche per l'anno di attività
2009-10
ha deciso di assegnare, ai gruppi che ne faranno richiesta, un contributo
per una prima iniziativa informativa. Una seconda iniziativa, già
svolta
dai
gruppi, potrà essere finanziata a fine anno in caso di disponibilità
di
fondi.

1) Le iniziative - possono essere oggetto di contributo tutte le
iniziative
realizzate allo scopo di informare sull'esperanto quali:

- campagna di annunci su giornali cittadini o di affissione di manifesti
per
informare su corsi di esperanto o su conferenze sull'esperanto e sui
problemi linguistici ad esso collegati o su altro evento.

- presenza a manifestazioni locali con un tavolo informativo,
volantinaggio,
ecc.

- conferenza sull'esperanto anche con, ad esempio, prezentazione di uno
degli ultimi libri e/o opere che si riferiscono al mondo esperantista.

2) Modalità di richiesta - I gruppi esperantisti, regolarmente
costituiti,
possono richiedere alla Federazione Esperantista Italiana contributi per
attività informative da svolgere entro Settembre 2010 inviando una
richiesta
di contributo che specifichi:

- il tipo di attività per cui si richiede il contributo;
- lo scopo e/o le finalità dell'iniziativa;
- l'importo complessivo di spesa previsto;
- la disponibilità a fornire contestualmente la documentazione
contabile che
attesti le spese sostenute che dovranno essere fatturate alla FEI per
poter
poi costituire il rendiconto giustificativo da presentare alle autorità
competenti.

La richiesta deve essere inviata alla segreteria FEI con una lettera a
firma
del presidente del gruppo e con una breve descrizione del progetto. La
lettera può essere inviata anche a mezzo fax allo 02 58100857 o
all'indirizzo
fei at esperanto.it allegandola (a mezzo scanner) ad una lettera in posta
elettronica.

3) Assegnazione dei contributi: Il Comitato Esecutivo della FEI, man mano
che perverranno le richieste, provvederà all'assegnazione dei
contributi
secondo i seguenti criteri:

- per i progetti è prevista la copertura integrale delle spese
fino
a 300 euro;
- per gli importi di spesa eccedenti i 300 euro e fino a 500 copertura
al 60% .

In caso di disponibilità residua dei fondi stanziati a fine anno si
potrà
decidere di:

a.. aumentare la percentuale di rimborso del contributo, da 300 a 500
euro, fino al 100%;

b.. aumentare ulteriormente il contributo per progetti che prevedano una
spesa superiore ai 500 euro e che vengano ritenuti particolarmente validi.

c.. finanziare eventuali seconde iniziative per cui i gruppi abbiano
richiesto il contributo

4) Certificazione della spesa - I contributi verranno erogati solo in
presenza di documentazione della spesa effettuata, legalmente valida, che
deve essere intestata alla FEI.



Bologna, 17-25 ottobre 2009 - Festa della storia

Festa della Storia, VI edizione
Oltre i confini. Linguaggi ed eredità della storia.
RACCONTARE LA STORIA
Cento anni di Esperanto
nella storia di Bologna
mercoledì 21 ottobre 2009
Sala Asinelli, ore 17.00-19.00
Hotel “Corona d’Oro”
Via Oberdan, 12
Intervengono:
Daniele Agostini
Valerio Dalla
Leonardo Pampaloni

Gruppo esperantista bolognese
“Achille Tellini 1912”
via Avesella 16
40121 Bologna
tel. 051 6446675
gesperbo at iperbole.bologna.it


Nobelpremiito Obama akuzata pri esperantismo

En Libera Folio aperis atentoveka artikolo. Jen la enkoduka kap-teksto:

La kontrauxuloj de la usona prezidento Barack Obama jam de longe akuzas
lin
pri socialismo, naziismo, islamismo kaj planado de koncentrejoj por
nekonsentantoj. Nun aperis nova akuzo: Obama ne nur estas nazio, sed li
krome intencas devigi cxiujn usonanojn lerni Esperanton.

El satiraj tekstoj, mokantaj la oponantojn de Obama, la aserto rapide
migris al la arsenalo de la efektivaj kontrauxuloj de la fresxa
Nobel-premiito. ....

La tuta artikolo estas legebla cxe:
http://www.liberafolio.org/2009/nobelpremiito-obama-akuzata-pri-esperantismo

-----
fonto: Ret-Info
http://www.eventoj.hu


Presentazione del libro "La via Zamenhof" in italiano

La traduzione del libro "La Zamenhof-strato" con il titolo "La via
Zamenhof" edito dalla casa editrice "La Giuntina" esce in questi giorni
nelle librerie.

La casa editrice è disponibile a collaborare per organizzare
presentazioni
del libro al pubblico in varie città italiane. Se siete interessati a
presentarlo anche nella vostra città, prendete contatto con Michela
Lipari
.

Sembra una occasione molto buona da non perdere.

Renato Corsetti


La filma oferto de UEA plivastigxis

La 6-an de oktobro aperis la 5-a numero de la filmjxurnalo UEAviva kun tri
eroj. Unue Emilio Cid raportas pri la rezultoj de la informkampanjo
cxirkaux la 94-a UK en Bjalistoko, al kiu li alvokis laux komisio de la
Estraro de UEA en la filmjxurnalo en majo. Cid estas suficxe kontenta pri
la rezultoj kaj instigas plu dauxrigi la agadon ankaux nun, kiam la UK jam
apartenas al pasinteco. En la dua ero, pruntita el la televida servo de
UN,
oni vidas elpasxon pri lingvaj rajtoj fare de la UEA-reprezentanto
Mireille
Grosjean cxe la Homrajta Konsilio de UN fine de septembro. La fina parto
estas dedicxita al TEJO. Oni vidas sinprezenton de la nova Estraro de la
junulara sekcico de UEA en la jxusa ARKONES en Poznano, Pollando.

La reta kinejo de UEA cxe Ipernity pliricxigxis per valoraj historiaj
dokumentoj. La filmo "Lingvo festis naskigxtagon" de Michael Cwik
raportas
pri la impona UK de la Jubilea Jaro 1987 en Varsovio. Scenojn el la
Budapesxta UK en 1966, i.a. kun fragmento el la festparolado de Ivo
Lapenna, montras la filmo "Esperanto-fonto", kiu unuavice rakontas pri
la
eventoplena historio de nekutima ZEO apud la hungara cxefurbo. La plej
lasta el la novajxoj en la reta kinejo estas samtempe la plej malnova el
ili, nome dokumenta filmo pri la 48-a UK en Sofio en 1963. Cxiuj cxi
trezorajxoj devenas el la Biblioteko Hodler, kies filmojn UEA iom post
iiom
ciferecigas por pli facile disponebligi ilin al la movada publiko.

La adreso de la reta filmjxurnalo en YouTube estas
http://www.youtube.com/user/UEAviva kaj tiu de la reta kinejo en Ipernity
http://www.ipernity.com/home/97850.

laux [gk de UEA]

-----
fonto: Ret-Info
http://www.eventoj.hu


Le Monde Diplomatique en Esperanto, oktobro

Oktobra numero de Le Monde Diplomatique en Esperanto:
http://eo.mondediplo.com/

Chefaj artikoloj:

La diktatoreco de la premgrupoj
Serge HALIMI

Duelo che la pintkunveno inter Pekino kaj Vashingtono
Martine BULARD

Usonaj judoj kontrau la israela dekstro
Eric ALTERMAN

De Mozarto ghis Hitlero, kio okazis ?
Akram BELKAID

La malrichaj peruanoj chesu almozpeti !
Monica BRUCKMAN

Interesplenaj artikoloj de antaua numero:

Jean PING: La Afrika Unio marshas — Ambicio por la kontinento
Willy JACKSON: En la internacia celilo — Israelo minacata de la kampanjo
„ bojkoto, malinvesto, punoj ”
Sharon WEILL: De Gazo ĝis Madrido – la celmurdo de Salah Ŝehadeh
André-Michel ESSOUNGOU: Rajtoj de la homo kaj ... de la popoloj
Ignacio RAMONET: Amnon Kapeliuk (1930-2009) -- La israela amiko
Pierre LAGRANGE: Nifoj kaj teorio de la komploto
Martine BULARD: Kiam altighas febro en la china « Far West»
Martine BULARD: Kompliceco kun la Centraziaj Respublikoj
Ramon CHAO: Prisciliano kaj sufiche, Hispanujo
Maurice LEMOINE: Averto nomata Honduro


Raporto de Elisabetta Formaggio pri Jomo en Chiavari

Nia grupano, Annarosa, kiu alprenis la taskon rilati kun la Federacio dum
la pasintaj monatoj, sendis jam dokumentitan raporton pri la financaj
aspektoj de la jOmO-koncerto en Chiavari.

Mi deziras aldoni apartajn dankojn pro la helpo ricevita , sen kiu ni ne
estus povintaj organizi tiun c'i eventon. Estu certaj, ke la sumo
elspezig'is racie, honeste kaj -en iu senco- fruktodone.

La lokaj amaskomunikiloj estis g'usta-tempe informitaj kaj pluraj el ili
diskonigis la novaj'on kun detaloj, en c'iu kazo favor-tone. Mallongaj
publikaj'oj aperis ankaù en la komunuma kaj en la provinca
informkajeroj
pri kulturaj kaj turismaj okazaj'oj, kaj sur diversaj interretaj pag'oj.

Alvenis proksimume 200-250 personoj, inter kiuj dudeko da esperantistoj
(krom la 11 aktivaj tigullianoj kelkaj lokaj simpatiantoj, reprezentantoj
de g'enovanoj, Cristina el Pisa kaj Michela el Roma)

La c'eestantoj estis plene kontentigitaj: jOmO donis al ili multe pli
ol
ili imagis.
La fina apero de vilag'ana koro kun Trallallero en loka dialekto,
akompanata voc'e kaj gitare de jOmO, estis tre plac'a surprizo por la
publiko.

La pri-Esperantaj informoj estis enkondukitaj lau taugaj dozoj en diversaj
formoj::

- La enirantoj ricevis faldfolion kun sciigo pri la Europa Tago de la
Lingvoj kaj pri jOmO kun bonvenigaj vortoj de la organizantoj.
- Dum la parola enkonduko - fare tre lerte de Cristina de Giorgi - ili
audis, interalie, pliajn informojn pri la grupo kaj pri Esperanto.
- jOmO mem alvokis la atenton al la temo mem anoncante siajn
Esperant-lingvajn kantojn.
- La inform-materialo ricevita de FEI estis je la dispono de
interesig'antoj surtable c'e la enirejo de la en-parka teatrejo.
- Pere de la informiloj estis komunikitaj adresoj, telefon-numeroj kaj
diversaj retejoj por lauvola, plua informig'o.

J'urnalisto venis nur de televid-elsendejo el Rapallo, kiu intervjuis
jOmOn
kaj du reprezentantojn de nia grupo; sekvis dissendo de 5 minuta
programero.

Kaj kio pri la fruktoj?

Estus naive kredi ke ni ricevos multnombrajn petojn pri pliaj informoj, au
ke subite plimultig'os la alig'oj al retaj kursoj. Ni estu objektivaj:
la
rikolto post tiu c'i nura semado ne povos esti abunda.Tio povus okazi nur
sekve de ofta kaj trafa reklam-kampanjo. Nun ni devas kontentig'i pro la
fakto ke danke al la morala kaj materia subteno ricevita de FEI ni povis
audigi nian voc'on en nia urbo kaj pere de tio ni donis respondon al la
kutima demando: "L'esperanto?..Ma esiste ancora?"

Elisabetta Formaggio
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia