"Nova Sento in Rete" n. 663 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 663     2009-12-05
> Esperanto: istruzioni per l'uso - Domande frequenti sull'esperanto
> Congresso Nazionale Italiano della F.E.I. - 2010
> Acquisto libri in Federazione Esperantista Italiana
> I giovani cercano i giovani
> Esperanto e biblioteche
> 9 Dicembre - Bologna - Manifestazione "Una lingua per tutti"
> 10 Dicembre - Appuntamento a Trieste
> 12 Dicembre - Mantova - Pranzo Natalizio
> Pasporta Servo 2.0: bonvolu aligxi!
> Nuovo libro su Bruno Migliorini ed altri temi di interlingusitica


  Contenuto
Esperanto: istruzioni per l'uso - Domande frequenti sull'esperanto

*************
Tutto quello che avresti voluto sapere sull'esperanto e non hai mai osato
chiedere è ora in rete, all'indirizzo http://iej.esperanto.it/faq/

Dalle risposte pronte alla raccolta di indirizzi, tutto quello che si
può
spiegare viene spiegato; e se manca qualcosa, poni una nuova domanda, e
lascia
che sia la comunità dei lettori a risponderti. Oppure metti tu la
risposta ad
un quesito aperto.

Un grazie al responsabile del servizio, Manuel Giorgini
, al quale potete far riferimento in caso di
dubbi o richieste.

**************
Quando è nato l'esperanto?
L'esperanto è nato alla fine del XIX° secolo. L. L. Zamenhof pubblicò la
prima grammatica nel 1887 nella speranza di contribuire a migliorare la
comunicazione fra i popoli.

Che tipo di lingua è?
L'esperanto è una lingua semplice e razionale nella grammatica: tutti i
verbi si coniugano allo stesso modo; da un insieme ristretto di elementi
base si possono derivare moltissime parole composte; ecc. Il vocabolario
deriva per la maggior parte dalle lingue neolatine.

Dove si parla l'esperanto?
L'esperanto è usato in tutto il mondo; la zona con la maggiore densità di
esperantisti è probabilmente l'Europa centrale.

Quante persone lo parlano?
Secondo una fonte molto autorevole, l'Enciclopedia Britannica, circa otto
milioni di persone. Stime più prudenti parlano di centinaia di migliaia.
La
risposta che si trova più spesso è intermedia: circa tre milioni di
persone.

Ma non è una lingua solo europea?
È una lingua mondiale, e in questi anni i posti dove cresce di più sono
l'Africa e l'Estremo Oriente. È vero che l'alfabeto e il lessico sono
un
ostacolo per i non occidentali (non più che con l'italiano o l'inglese,
ovviamente); in compenso la struttura della lingua (basata sul costruire
le
parole a partire da elementi invariabili) la rende molto più simile ad
alcune lingue extraeuropee che alla nostra.

Gli esperantisti sperano di abolire le lingue nazionali?
Fin dalla sua nascita l'Esperanto è usato e proposto come seconda lingua
per i rapporti internazionali, parallelamente alle lingue nazionali.

Non basta imparare le lingua straniere?
La molteplicità delle lingue è una grande ricchezza dell'umanità, e lo
studio delle lingue straniere è importantissimo. Però quante persone sono
in grado di imparare tutte lingue che potrebbero servire? Nella sola
Unione
Europea ci sono 23 lingue ufficiali (e presto ben di più). E anche ammesso
di riuscirci, ci vorrebbe un enorme dispendio di fatica, tempo e denaro.

Allora scegliamone una sola (l'inglese)
Naturalmente non abbiamo niente contro lo studio della lingua inglese, e
apprezziamo tutte le opportunità per comunicare che essa dà; però imparare
a fondo anche una sola lingua straniera è un investimento che non tutti si
possono permettere;
privilegiare una sola lingua nazionale sulle altre è un atto
discriminatorio;
l'uso internazionale di una lingua nazionale (e quindi difficile) mette
in
pericolo la sopravvivenza delle lingue più deboli.
L'esperanto, essendo relativamente facile e neutrale, non ha questi tre
svantaggi; perciò lo parliamo, senza per questo rinunciare all'uso delle
altre lingue. Anzi, come abbiamo già detto, l'esperanto facilita
l'apprendimento delle lingue straniere, inglese compreso.

L'esperanto è una lingua artificiale / fredda / ...
Basta ascoltare una conversazione in esperanto per rendersi conto che è
una
lingua come tutte le altre, per niente fredda o meccanica. Fra l'altro ai
nostri incontri spesso nascono flirt e amori internazionali, ed esistono
famiglie che comunicano prevalentemente in esperanto. E di conseguenza ci
sono persone che parlano l'esperanto dalla nascita: provate a dirlo a
loro
che è una lingua artificiale!

Ma se non ce l'avete fatta in cent'anni...
Non è necessario essere uno specialista per sapere che cent'anni sono un
tempo molto breve per una lingua. Comunque quasi tutti gli esperantisti
contesterebbero la frase "non ce l'avete fatta": l'esperanto esiste e
chi
vuole può usarlo per comunicare in modo facile, divertente ed immediato
con
ragazzi e ragazze di tutto il mondo. Probabilmente questa è la cosa più
importante.


Congresso Nazionale Italiano della F.E.I. - 2010

Si informa e ricorda che in rete, sul sito www.esperantoitalia.it

si possono trovare tutte le informazioni sul ns. prossimo congresso
nazionale che si terrà a Lignano Sabbiadoro nel periodo 21-28 agosto
2010.

Per chi avesse intenzione di parteciparvi, l'iscrizione sarebbe più
vantaggiosa se fatta entro il 31-12-2009!

Affrettatevi!

segreteria FEI

Milano, 4-12-2009


Acquisto libri in Federazione Esperantista Italiana

Da oggi la FEI possiede un nuovo indirizzo di posta elettronica al quale
potrete inviare le ordinazioni di libri e materiale di propaganda:


Naturalmente resta in vigore il solito: per tutte le
altre comunicazioni.

Vi ringraziamo per la collaborazione, che ci faciliterà nello
svolgimento
del lavoro, e salutiamo tutti cordialmente.

Alga Guernieri
segreteria FEI

http://www.esperantoitalia.it


I giovani cercano i giovani

Sono Francesca Lomello, consigliere nazionale IEJ incaricato dei contatti
con i giovani che si affacciano al mondo dell'esperanto. A tale scopo,
mi sarebbe molto utile se poteste cortesemente inviarmi a questo
indirizzo, naturalmente con il loro consenso, l'elenco dei giovani
sotto i trent'anni (e relativi recapiti) che frequentano il corso di
primo grado e/o si iscrivono per la prima volta al vostro gruppo.

Francesca Lomello
francesca.lomello@ esperanto. it


ESPERANTO E BIBLIOTECHE

Come certamente a suo tempo avrete letto nel rapporto conclusivo, la
'Campagna biblioteché si era conclusa con successo, anche
grazie alla vostra fattiva e determinante collaborazione.
Oltre un centinaio le biblioteche sparse in Italia contattate, che ora
posseggono almeno tre libri sull'Esperanto e tuttora ricevono
in abbonamento la nostra rivista nazionale. Un sottile legame che prosegue
con noi.
Il primo scopo che ci eravamo prefisso è stato quindi raggiunto. Però
nelle
intenzioni vi era anche un secondo scopo che era
anche una speranza: riuscire a sviluppare questo contatto in seguito fino
a
favorire poi qualche comune iniziativa per meglio far
conoscere l'Esperanto ed i suoi scopi. A secondo dei casi e delle
opportunità locali ciò significa organizzare con loro conferenze,
dibattiti, mostre, presentazioni di libri, ecc.
In base alle notizie pervenute, questo è già talvolta avvenuto, anche se
temiamo che il quadro possa essere incompleto perché
forse non tutti hanno poi comunicato quanto poi realizzato.
Lo scopo di questo messaggio è quindi di chiedere d'informare su quanto
si
riesce localmente a fare e specialmente di agire in
questa direzione, secondo le diverse realtà locali. Il contatto avuto per
consegnare i libri è vivo e recente, tuttora esse ricevono la
rivista e quindi non mancano delle premesse....
Confidiamo sulla vostra generosa ed insostituibile collaborazione e,
restando a disposizione per eventuali necessità,
vi ringraziamo anticipatamente

Per il gruppo di lavoro Informazione alle Biblioteche
Ermigi Rodari
ermigirod at alice.it


9 Dicembre - Bologna - Manifestazione "Una lingua per tutti"

Informiamo che mercoledì 9 dicembre alle ore 17.30 presso il Museo
Ebraico,
in via Valdonica 1 a Bologna, si terrà una importante manifestazione, in
collaborazione con gli esperantisti bolognesi. Questo è il programma:

Una lingua per tutti: 100 anni di Esperanto a Bologna
celebrazione del 150° della nascita di Lazzaro Ludovico Zamenhof
(1859­1917), creatore dell’esperanto

Introducono
Emilio Campos, Presidente della Fondazione Museo Ebraico di Bologna
Daniele Agostini, Presidente del Gruppo Esperantista Bolognese “Achille
Tellini ­ 1912”

Interviene
Renato Corsetti, Presidente della Federazione Esperantista Italiana su:
Lazzaro Ludovico Zamenhof, ebreo e cittadino del mondo

Con l'occasione avverrà la consegna al Museo di un’effige di L.L.Zamenhof
da parte del Gruppo Esperantista Bolognese “Achille Tellini ­ 1912”

Al termine: aperitivo


10 Dicembre - APPUNTAMENTO A TRIESTE
Nel 150° anniversario della nascita di L.L.Zamenhof

Giovedì 10 dicembre 2009 - ore 17
Museo della Comunità Ebraica di Trieste
"Carlo e Vera Wagner"
Via del Monte 7 - Trieste

150 anni fa nasceva Lazzaro Ludovico Zamenhof
Ebreo e cittadino del mondo, interprete dell'emancipazione ebraica e
della
liberazione dei popoli

Saluto di benvenuto: Mauro Tabor, Assessore alla cultura della Comunità
ebraica di Trieste

Relatori:
dott.ssaTullia Catalan, Università di Trieste, Dip. Storia dell'ebraismo
"I mondi ebraici di Ludwik Lejzer Zamenhof"
Dott. Federico Gobbo, Università dell'Insubria, Varese
"Matrice ebraica e umanitarismo nel pensiero di Zamenhof: cosa rimane
oggi?"
Michela Lipari, Roma
"Klara Zilbernik Zamenhof, ritratto di una moglie"
Prof. Carlo Minnaja, Università di Padova
"Zamenhof organizzatore, prosatore e poeta"

INFORMAZIONI: noredv at tele2.it - 040-350093
Chi volesse partecipare, ci faccia sapere per le opportune prenotazioni.
Cordialmente,
Edvige Ackermann


12 Dicembre - Mantova - Pranzo Natalizio

Quest’ anno all’ incontro conviviale natalizio del Gruppo Esperantista
Mantovano si associa un’ azione benefica: pranzeremo al Villaggio SOS di
Mantova, strada Bosco Virgiliano 4 (lungo la ferrovia); perciò la quota
che
verseremo per il pranzo sarà un piccolo aiuto al villaggio SOS mantovano,
che è un’ organizzazione ONLUS che accoglie bambini e ragazzi in
difficoltà. I ragazzi stessi collaborano alla festa.

Il pranzo si svolgerà sabato 12 dicembre alle ore 13 presso il Villaggio.

Prego darmi l’ adesione al più presto al n° 3494217832;
graziano.ricagno at libero.it

Partecipiamo tutti. A presto

Graziano Ricagno


Pasporta Servo 2.0: bonvolu aligxi!

Karaj Pasporta Servo-gastigantoj! Karaj PS-uzantoj!

Ni tre bedauxras ke ni ne sukcesis al vi cxiuj respondi cxar ni cxefe
okupigxis pri la kreado de la nova sistemo, kaj esperas ke tiu cxi
letero respondas al viaj demandoj. Ni petas vian komprenon pro la
nunaj prokrastoj kaj la sxangxoj en sistemo al kiu ni cxiuj
alkutimigxis. Same ni certigas al vi ke ili estas necesaj se nia
sxatata Pasporta Servo pluhavu prosperan estontecon. Helpu por ke ni
komune antauxenigu nian projekton, kaj niajn komunajn idealojn!

Do, ni petas al vi nun, aligxu al nia interreta Pasporta Servo! Se vi
jam membrigxis: Ni invitas vin reviziti la pagxon por plenigi aux
aktualigi viajn informojn. Ne forgesu elekti "mi gastigas" se vi
estas gastiganto kaj lokigi vian hejmon sur la mapo. Se vi bezonas
helpon, vi povas kontakti pasportaservo at tejo.org aux la oficejo de
TEJO (vidu tie: http://www.tejo.org/eo/kontaktu).

Se vi volas fari donacon, bonvolu ne plu sendi Internacian
Respondkuponon aux posxtmarkon. Dankon pro via helpo!

Se vi volas aperi en la venonta eldono, ne atendu, kvankam estas
pluraj el vi kiu ne kutimis kun la nova sistemo kaj peti
(re)-membrigxon per aliaj manieroj, tiuj gastigantoj ankaux aperos
en la eldono. Ni tamen kore invitas vin membrigxi cxe
www.pasportaservo.org.


Nuovo libro su Bruno Migliorini ed altri temi di interlingusitica

Aperis finfine kaj estas achetebla che la Libroservo de FEI la libro:

Vojoj de interlingvistiko: de Bruno Migliorini al la nuna tempo
Aktoj de la studtago en la Universitato de Florenco, 26a de julio 2006

Ghi konsistas el antauparolo de Christer Kiselman, saluto de la filo de
Bruno Migliorini, enkonduka parolado de la prezidanto de la Akademio de
la itala lingvo (Accademia della Crusca), pritakso de la agado de la
lingvisto Migliorini fare de konata itala lingvisto, Tullio De Mauro kaj
de la kontribuoj (interalie de pluraj akademianoj): Carlo Minnaja,
Fabrizio Pennacchietti, Humphrey Tonkin, Gerlado Mattos, Renato
Corsetti, Giordano Formizzi, Aleksandro Melnikov, Amri Wandel.

Ghi estis eldonita kunlabore kun la Akademio de la Itala Lingvo, kiel
aparta numero de la scienca revuo "Multilinguismo e Società".

Prezo: 15 euroj.


Renato Corsetti
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia