"Nova Sento in Rete" n. 710 - Gioventù Esperantista Italiana
Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista Junularo
PUBBLICITÀ
Esperanto Esperanto »
Italiano Italiano »
Archivio di "Nova Sento in Rete"
  Numero 710     2010-11-14
> Esperanto: istruzioni per l'uso - Come costituire un gruppo locale
> L'Italia deve sostenere di piu' la propria lingua
> Parma, 16 Novembre - La FEI dedica una giornata di studio a Giorgio Canuto
> Calendarietti 2011 e penne biro ESPERANTO
> Facebook-pagho de UEA 1-jarighas
> 4a Mezorienta Kunveno okazos en Irano
> www.sahara-esperanto.ueuo.com/


  Contenuto
Esperanto: istruzioni per l'uso - Come costituire un gruppo locale

La possibilità di incontrare altri esperantisti, per potersi esercitare
e per poter concretizzare attività divulgative o di insegnamento
della lingua, è ovviamente un aspetto importantissimo per lo
sviluppo dell'esperanto su un territorio.

Del resto i gruppi locali sono l'ossatura stessa dell'esperantismo in italia,
rappresentato dalla FEI, che è per l'appunto la Federazione Esperantista
Italiana dei gruppi e di alcune associazioni di categoria (i giovani,
i ferrovieri, ecc...).

I passi fondamentali per la costituzione di un gruppo locale sono i
seguenti.

a) verificare che un gruppo non esista già: basta una visita al sito
www.esperanto.it per avere l'elenco dei gruppi. In alternativa si possono
chiedere notizie alla segreteria della FEI a Milano (indirizzi e telefono
sono sempre disponibili in coda a NSiR). Se si scrive o telefona alla FEI
si può anche chiedere se c'è qualche esperantista isolato (e magari
senza posta elettronica).

b) Non ci sono gruppi: allora bisogna trovare gli esperantisti. Al proposito
un messaggio su NSiR del tipo "AAA esperantisti nella val Brembana cercansi"
può essere di aiuto. Bastano 3 righe per mandare un appello a un sacco di gente
in giro per l'Italia.

c) Per la costituzione del gruppo e sufficiente essere in 3 esperantisti
(o simpatizzanti). Se ci siete urge una telefonata o una cartolina a Milano
per chiedere maggiori dettagli.

d) Non sono necessari atti costitutivi o statuti: quelli, se volete, verranno con il
tempo. Inoltre parte della vostra quota associativa rimarrà al gruppo per finanziare
le sue attività.

Per maggiori info:

Framerio
f.amerio@libero.it


L'Italia deve sostenere di più la propria lingua

La Federazione Esperantista Italiana invita le autorità competenti a prendere maggiormente a cuore le sorti dell'insegnamento della lingua
italiana all'estero. Il confronto con gli altri paesi dell'Unione Europea è inevitabile: il British Council gode di un finanziamento pubblico da 220 milioni di euro, il Goethe Institut e lo spagnolo Cervantes hanno a disposizione rispettivamente 218 e 90 milioni. I fondi a disposizione del portoghese Camoes (13 milioni) e dell'Alliance Francaise (10,6 milioni) sono più contenuti ma decisamente superiori a quelli destinati alla nostra "Società Dante Alighieri". Come già denunciato da Repubblica, dal 2011 l'ente che promuove la cultura italiana nel mondo dovrà provvedere ad ogni sua funzione con 600 mila euro.
Non mancano, inoltre, altri segnali allarmanti: poche settimane fa, Andreas Wieland, direttore di "Graubaenden Ferien" ha affermato che
nelle scuole dell'obbligo della parte germanofona del cantone dei Grigioni l'insegnamento dell'italiano e del romancio va abbandonato a favore dell'inglese. Le due lingue non sarebbero altro che mero folclore e quindi irrilevanti nel mondo economico e professionale.
La congiuntura economico-finanziaria non è positiva, ma bisogna trovare le risorse - economiche, politiche e morali - per tutelare la lingua italiana. La questione del brevetto europeo èsoltanto uno dei tanti esempi: l'elezione quale lingua procedurale del solo inglese o anche del francese e del tedesco equivale a danneggiare non solo le aziende ma l'intero sistema-paese. Il caso, nello specifico, evidenzia la necessità di una lingua franca, all'interno dell'Unione Europea, tale da non svantaggiare nessuno stato e nessun cittadino. Un problema che non va evitato e che ha un'unica soluzione: l'esperanto.
--------------------------------
Esperanto Italia - FEI
Via Villoresi, 38, 20143 Milano
www.esperanto.it, ufficio.stampa@esperantoitalia.it


Parma, 16 Novembre - LA FEDERAZIONE ESPERANTISTA ITALIANA DEDICA UNA GIORNATA DI STUDIO A GIORGIO CANUTO

Martedì 16 novembre 2010 la Federazione Esperantista Italiana nell'avversario dei 50 anni dalla sua scomparsa dedica una giornata di studi a Giorgio Canuto, figura di spicco della cultura italiana e celebre esperantista. L'evento avrà luogo a Parma presso l'Aula Cavalieri (ore 10.30) e rappresenta un tributo allo studioso, rettore dell'ateneo parmense dal 1950 al 1956 e presidente dell'Associazione Esperantista Universale dal 1956 al 1960.

Indirizzi di saluto

Prof. Gino Ferretti, Magnifico Rettore Università degli Studi di Parma
Prof. Roberto Greci, Preside della Facoltàdi Lettere e Filosofia
Prof. Giuseppe .G. Biondi, Direttore Dipartimento Filologia Classica
Università di Parma
Prof. Guido Michelini, Ordinario di Glottologia, Università Di Parma

Interventi:

Giorgio Canuto, l'uomo di scienza
Prof. Guglielmo Masotti, Ordinario di Medicina Legale Università di Parma

Giorgio Canuto, il rotariano
Prof. Alessandro Mangia, Presidente Rotary Club Parma

Giorgio Canuto, l'esperantista europeista
Prof. Davide Astori, linguista, università degli Studi di Parma

Segue il conferimento del Premio GIORGIO CANUTO per la miglior tesi di
laurea in Interlinguistica ed Esperantologia.
Il Prof. Renato Corsetti, dell'Università La Sapienza di Roma, porta i
saluti della Federazione Esperantista Italiana, che ha sponsorizzato il
Premio.
Il Prof. Paolo Valore, dell'Università degli Studi di Milano, presenta la
rivista Inkoj, di cui è direttore, e premia Pierfrancesco Naccarato,
vincitore della prima edizione del Canuto, estensore della tesi dal
titolo: L'esperanto: la storia, la comunità, le problematiche, la lingua
(relatore il Prof. Fabio Foresti, socio-linguista dell'Università di
Bologna).

Chiude una breve prolusione pubblica:

L'Interlinguistica in Accademia
Prof. Fabrizio Pennacchietti, professore emerito
dell'Università di Torino e già ordinario di Filologia semitica, affidatario del corso in Interlinguistica ed esperantologia, Presidente del Premio


Calendarietti 2011 e penne biro ESPERANTO

Calendarietto ESPERANTO 2011 (*)

È disponibile in FEI il calendarietto tascabile per il 2011 stampato in quadricromia, su carta plastificata e che piegato in due misura 10,5 x 7,5 cm. Nella parte interna è riportata una sintetica presentazione dell'esperanto.

Dato il suo basso costo (il prezzo di vendita è inferiore al prezzo di costo!) può essere utilizzato come simpatico omaggio da prender liberamente in tutti i luoghi dove siete presenti (biblioteche, circoli, associazioni) o anche per fare un omaggio ai vostri conoscenti ed amici in occasione delle feste di fine anno.

Non rimanetene sprovvisti, richiedeteli subito a feilibri@esperanto.it!
in modo da evitare l'ingorgo delle spedizioni del periodo natalizio. NON PREOCCUPATEVI PER IL PAGAMENTO ma richiedeteli costano solo 5 euro ogni 100. Il pagamento potrete farlo insieme con l'invio delle quote.

Penne con il logo ESPERANTO (*)

Quest'anno sono disponibili anche le penne biro con sovrascritto il logo ESPERANTO in quadricromia. Il costo delle penne è:
3 penne ..............5 euro
8 penne.............10 euro

(*) - Spese di spedizione 3 euro per ogni plico spedito .


Per la segreteria FEI
Riccardo Pinori


FACEBOOK-PAGHO DE UEA 1-JARIGHIS

Universala Esperanto-Asocio malfermis propran paghon en la socia retejo Facebook la 8-an de novembro 2009. Je sia unua datreveno ghi havis 1738 amikojn, kies lau­landa distribuo estas sufiche alia ol tiu de la individuaj membroj de UEA. La unuan lokon okupas, kun distanco, la hejmlando de Facebook, Usono, kiu inter la individuaj membroj havas la kvinan pozicion. La plej granda lando inter la individuaj membroj estas Francio, kiu en la Facebook-pagho estas tria. Rimarkindaj kazoj estas Meksiko, kiu en la IM-statistiko estas 31-a kaj en Facebook 8-a, kaj ankau Argentino (respektive 39-a kaj 9-a) kaj Ĉilio (57-a kaj 11-a). Pleje tamen elstaras Malajzio, kie UEA havas nur unu membron sed 50 amikojn de sia Facebook-pagho.

La 20 landoj kun plej multe da amikoj estas Usono (203), Brazilo (115), Francio (103), Italio (91), Hispanio kaj Pollando (po 85), Germanio (72), Meksiko (56), Argentino kaj Malajzio (po 50), Chilio (45), Britio (41), Rusio (40), Hungario (38), Kanado (36), Nederlando (33), Finnlando (28), Chehiio kaj Svedio (po 27) kaj Belgio (26).

Facebook prezentas ankau statistikon lau urboj, kvankam ne chiuj indikas sian loghlokon. La unua estas Madrido, kie loghas 53 amikoj. En la pinta deko trovighas ankau San-Paolo (50), Kuala-Lumpuro (48), Santiago de Chilio (42), Meksikurbo (39), Varsovio (36), Bonaero (34), Romo (33), Parizo (28) kaj Budapeshto (23).

70% de la amikoj estas viroj kaj 28% inoj (2% ne indikas sekson). El la individuaj membroj de UEA, kies sekso estas konata, 65% estas viroj kaj 31% inoj. Ne surprizas, ke la amikoj de UEA en Facebook estas mezume pli junaj ol la individuaj membroj: 19,3% aghas 13-24 jarojn kaj 22,4% aghas 25-34 jarojn. Char 17,6% estas 35-44-jaraj, entute 59,5% estas maksimume 44-jaraj. Krome 18% estas en la grupo de 45-54-jaraj kaj 19,5% en tiu de minimume 55-jaraj. Ne konata estas la agho de 3,2%.


4-A MEZORIENTA KUNVENO OKAZOS EN IRANO

La Komisiono de UEA pri la Meza Oriento kaj Norda Afriko (MONA) invitas al la 4-a Mezorienta Kunveno, kiu okazos en Karagho, Irano, de la 25-a (vendrede vespere) ghis la 29-a (marde vespere) de marto 2011.

La temo de tiu chi pionira arangho de UEA en Irano estos "Esperanto sur la Silka Vojo". Ghi estigos maloftan eblecon renkonti samideanojn el diversaj landoj en la Meza Oriento (tamen, invitataj estas ankau partoprenontoj el chiuj aliaj mondpartoj), interkonatighi, pridiskuti gravajn kaj interesajn temojn kaj ankau iomete turismumi en la gastiga lando. Dezirantoj ekskursi al vizitindajhoj povos fari tion kune antau au post la kunveno.

Reta alighilo, informoj pri la kunveno kaj pri loghado, kaj aliaj detaloj che <http://www.arabujo.org/mk/2011/starto.php?l=eo>http://www.arabujo.org/mk/2011/starto.php?l=eo . Kaze de problemoj au demandoj oni povas turni sin retposhte al mezorienta.kunveno@esperanto.org.

Gazetaraj Komunikoj de UEA
N-ro 400
2010-11-05

www.sahara-esperanto.ueuo.com

Ekde hierau nokte la pagho de Sahara Esperanto-Ligo oferas informojn pri la teruraj okazintajhoj vivitaj nuntempe en Ajuno kaj en aliaj urboj. La informoj aktualighas de tempo al tempo. Ni invitas al Vi viziti la pa on.
SplinderBadzuStumbleUponDiggTwitter
redditDel.icio.usAggiungi ai Preferiti di Google - Aldoni al Paĝosignoj en GugloKlaku.net - Via demokratia amaskomunikiloVizaĝlibro/Facebook
 
  Gioventù Esperantista Italiana - Itala Esperantista JunularoGioventù Esperantista Italiana
Via Villoresi, 38
20143 Milano, Italia
Tel/Fax: 02 58 10 08 57
Posta elettronica: iej@esperanto.it
Sezione giovanile della FEI; sezione italiana della TEJO
Vizaĝlibro/FacebookJutubo/YoutubeVikipedio/Wikipedia